cerca

Trump non decolla

Nonostante la vittoria politica su Mueller, il presidente non sale (e non scende) nei sondaggi. La lotta per il documento

4 Aprile 2019 alle 06:06

Trump non decolla

foto LaPresse

New York. Sono passati dieci giorni dalla lettera del ministro della Giustizia, William Barr, che scagiona Donald Trump dall’accusa di collusione con il governo russo. Ci si aspettava che la fine dell’inchiesta potesse essere l’inizio della rimonta politica per il presidente verso le elezioni dell’anno prossimo, e invece no. Le cose se possibile vanno peggio di prima. I sondaggi dicono che l’approvazione di Trump è rimasta allo stesso livello basso, attorno al 41 per cento. Fluttua di qualche decimale, ma non si sposta e non c’è nessun effetto “no collusion”. Nate Silver, un analista di sondaggi considerato molto bravo nel suo campo, dice che ci sono diversi fattori per spiegare perché. Uno è quello identitario: gli americani hanno già deciso cosa pensano del presidente e non sarà una semplice notizia a far cambiare loro parere. Votare pro o contro Trump è diventata una faccenda più ampia, ha a che vedere con le convinzioni, con le paure personali, con grandi temi come l’immigrazione, la religione e la crisi demografica e anche con il come ci si guarda al mattino allo specchio e queste cose non cambiano a causa di una semplice notizia. Il che spiega perché gli evangelici stanno senza se e senza ma dalla parte di Trump, che pure è l’emblema incarnato della decadenza newyorchese con divorzi multipli e un assortimento di relazioni scostumate. Chi sta con il presidente continua a stare con lui dentro a una bolla che non è la maggioranza del paese, chi lo detesta continua a detestarlo. E’ incredibile, notano i sondaggisti, la mancanza di variazioni nel gradimento di Trump, che è il presidente che ha oscillato meno ed è sempre rimasto all’interno degli stessi nove punti tra il suo massimo (44 per cento) e il suo minimo (36). Lo shutdown, il licenziamento del capo dell’Fbi, i giorni dei nazionalisti bianchi a Charlottesville non hanno prodotto effetti visibili. Un altro fattore è che la maggioranza degli americani, circa l’ottanta per cento nei sondaggi, non si accontenta delle quattro pagine di Barr e vuole vedere l’intero rapporto scritto da Robert Mueller, che è lungo circa trecento pagine.

 

Ieri i democratici al Congresso hanno votato una mozione che autorizza il capo della commissione Giustizia a emettere un’ingiunzione contro il dipartimento di Giustizia per ottenere il documento integro, senza censure. Il ministro Barr ha detto che lo consegnerà a metà aprile, ma prima vuole cancellare passaggi che potrebbero essere delicati perché il rapporto contiene informazioni ottenute durante molti interrogatori su una vasta gamma di argomenti. I democratici lo vogliono intero. Se Barr si rifiutasse, si aprirebbe un contenzioso che dovrà essere giudicato da una corte – ma prenderebbe del tempo. Trump ha usato toni trionfali per descrivere il rapporto e fino a qualche giorno fa diceva di non avere nulla in contrario alla sua diffusione, ma poi ha cambiato idea – e questa ritrosia, assieme alla lentezza del suo ministro della Giustizia, eccita i democratici.

 

Il presidente tuttavia ha anche un altro problema. Invece che fargli da trampolino per il rilancio politico, la fine dell’inchiesta lo ha reso ancora più impulsivo e caotico nelle decisioni. I repubblicani al Congresso sono riusciti con uno sforzo immane a fargli rimangiare l’annuncio sulla cosiddetta riforma della sanità che passa per lo smantellamento del sistema sanitario creato da Obama. La sanità è l’argomento che alle elezioni di metà mandato a novembre ha consegnato la maggioranza delle vittorie ai democratici, perché molti americani non vogliono rinunciare alle protezioni acquisite. Annunciare l’eliminazione di quelle protezioni è suonato per molti repubblicani del Congresso come una sentenza di morte politica alle elezioni del 2020 e per qualche giorno c’è stata la possibilità di uno scontro pubblico tra il presidente e il suo partito. Alla fine Trump ha detto che se ne parlerà dopo le elezioni – che comunque non è rassicurante. Negli stessi giorni, ha tagliato alcuni fondi destinati a paesi sudamericani per punirli del fatto che non fanno abbastanza per trattenere i loro cittadini dall’emigrare verso l’America, ma i paesi hanno ribattuto che senza i fondi possono fare ancora meno. L’annuncio più preoccupante riguarda la frontiera con il Messico, che Trump vuole chiudere perché pensa che non faccia abbastanza per bloccare i migranti. Il Messico ha uno scambio commerciale enorme con gli Stati Uniti, se il presidente ordinasse davvero la chiusura della frontiera l’economia americana andrebbe in asfissia nel giro di pochi giorni. La memoria va subito allo shutdown del governo, che Trump causò a dicembre perché pensava di forzare la mano ai democratici e che invece – come tutti gli avevano detto sarebbe successo – gli si ritorse contro in poco più di un mese.

Daniele Raineri

Daniele Raineri

Di Genova. Nella redazione del Foglio mi occupo soprattutto delle notizie dall'estero. Sono stato corrispondente dal Cairo e da New York. Ho lavorato in Iraq, Siria e altri paesi. Ho studiato arabo in Yemen. Sono stato giornalista embedded con i soldati americani, con l'esercito iracheno, con i paracadutisti italiani e con i ribelli siriani durante la rivoluzione.

Segui la pagina Facebook

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • branzanti

    04 Aprile 2019 - 10:10

    Nessuna novità : Trump resta minoritario tra l'elettorato americano (lo era anche alle elezioni ed è stato favorito da un sistema elettorale obsoleto) e la sua base ha una natura fideistica e non razionale ed anzi, per molti dei suoi impermeabili seguaci, assume caratteristiche di autentico autolesionismo. La sanità è un esempio eclatante, ma qualcuno continuerà ad amarlo anche quando la recessione in arrivo lo manderà definitivamente sul lastrico. Una situazione che sfugge alle mie capacità di comprensione.

    Report

    Rispondi

    • Ferny55

      04 Aprile 2019 - 11:11

      Ha ragione quando parla di sistema elettorale obsoleto. Ma non dovrebbe guardare al "collegio elettorale". Dovrebbe guardare a tutti gli Stati che consentono di votare,senza esigere un documento di identità. Documento di identità che in America viene richiesto per tutte le altre cose…...

      Report

      Rispondi

      • branzanti

        04 Aprile 2019 - 12:12

        Giusto così come dobbiamo guardare agli stati che escludono dal diritto di voto centinaia di migliaia di persone che non sono, come dire, mainstream per il Gop. Un milione e duecentomila alle ultime elezioni per il governatore della Georgia, il risultato si è deciso per molto meno. Ma si sa i rep hanno un problema con alcune questioni ed una è la democrazia.

        Report

        Rispondi

        • Ferny55

          05 Aprile 2019 - 10:10

          Le potrei rispondere con le contee democratiche che hanno più elettori dei residenti e dove la Clinton ha fatto il pieno che le ha consentito di vincere il voto popolare. A lei sfugge la questione centrale: la grande corruzione del sistema politico americano, su entrambi i lati, che ha condizionato la politica estera e nazionale USA negli ultimi 30 anni. Migliaia di miliardi all'anno di denaro riciclato provenienti da IRAN, CINA, RUSSIA, AFRICA, QATAR, ARABIA SAUDITA con centinaia di banche coinvolte e molte in Europa ( Deutsche Bank, Danske Bank, Commerzbank, Swiss bank) oltre che nei paesi dell'Est Europa. La democrazia americana è stata inquinata da questa marea di miliardi che ne hanno minato le fondamenta e le responsabilità sono sia dei democratici che dei repubblicani, altrimenti diventa difficile comprendere come un senatore o un deputato con un salario di 178k dollari all'anno possa avere un patrimonio personale di centinaia di milioni di dollari.

          Report

          Rispondi

        • branzanti

          05 Aprile 2019 - 16:04

          Su questo tema sono assolutamente d'accordo con Lei, sia per la corruzione che per la responsabilità bipartisan. Mi permetto di aggiungere che ad aggravare il quadro si è inserita la sentenza Citizen United, che ha riversato sulla politica americana una massa di denaro priva di qualsiasi elemento di trasparenza e che ha, sostanzialmente, legalizzato la corruzione; anche qui con una ricaduta bipartisan. Da ciò discendono tre considerazioni : 1) gli Usa non possono essere considerati una democrazia compiuta, ma piuttosto una oligarchia del denaro (o plutocrazia) 2) viene meno la vulgata che vuole gli Usa un paese con bassi livelli di corruzione 3) tutto questo si ripercuote sui cittadini americani, incredibilmente disinteressati, i cui problemi non possono rientrare nell'orizzonte dei legislatori.

          Report

          Rispondi

  • Ferny55

    04 Aprile 2019 - 09:09

    Strano...Rasmussen lo dà al 50/51%.

    Report

    Rispondi

Servizi