cerca

Il sud degli Stati Uniti è sull’orlo del meltdown

Trump s’imbufalisce perché non ha ancora fatto nulla per la crisi immigrazione, che ora c’è davvero

13 Aprile 2019 alle 06:00

Il sud degli Stati Uniti è sull’orlo del meltdown

Donald Trump in visita al confine col Messico (Foto LaPresse)

New York. Al confine meridionale degli Stati Uniti stanno arrivando troppe persone che cercano di entrare senza autorizzazione. Molte di loro chiedono asilo e questo vuol dire che gli agenti americani seguono la procedura: le prendono in custodia, mettono i loro nomi nella lista d’attesa delle corti che dovranno decidere se meritano oppure no lo status di rifugiato e poi le lasciano libere. Dalle cinquantottomila di gennaio sono diventate centomila a marzo – c’è sempre un aumento in questa stagione perché poi diventa troppo caldo per attraversare a piedi le zone desertiche, ma quest’anno i numeri sono più alti del solito.

 

Alla fine di marzo Kirstjen Nielsen, che era il segretario della Homeland Security, ha scritto una lettera al Congresso per avvertire che il sistema al confine è sull’orlo del meltdown, agli agenti è capitato di fermare quasi cento gruppi da cento migranti che si spostavano tutti assieme e nelle strutture federali ci sono già milleduecento minori non accompagnati e seimilaseicento famiglie. Una parte del personale che si occupa della sicurezza ai punti d’ingresso tra Messico e Stati Uniti è stata spostata a seguire gli ingressi illegali e questo vuol dire che il tempo d’attesa ai varchi per automobili e camion si sono allungati anche fino a dieci ore. E’ uno stato di crisi e provoca due reazioni nell’Amministrazione Trump. Da una parte c’è euforia, perché il presidente può rinfacciare ai democratici di avere ragione, sono loro a non avere capito la situazione: c’è davvero un’emergenza come dichiarò a febbraio per ottenere un budget federale per costruire il muro al confine con il Messico. Dall’altra c’è livore, perché Trump si è fatto eleggere dicendo che soltanto lui può risolvere la situazione al confine e invece di fatto gli ingressi non autorizzati nei primi due anni del suo mandato – quelli migliori perché aveva la maggioranza al Congresso – sono aumentati. Di fatto, molta della politica del presidente è concentrata sull’immigrazione oppure ne è una conseguenza: la campagna elettorale di settembre e ottobre per le elezioni di metà mandato, lo shutdown del governo durato trentacinque giorni, i negoziati con il Partito democratico.

 

Trump vuole che la questione immigrazione definisca la sua presidenza però non ha ancora nulla di solido da mostrare e nelle ultime due settimane questo ritardo lo ha fatto imbufalire. Prima ha minacciato la chiusura totale del confine con il Messico – totale vuol dire che non passa più nessuno – se il governo messicano non ferma i migranti, ma i suoi consiglieri economici gli hanno detto che sarebbe un disastro per l’economia americana vista la quantità enorme di merci che passa per i varchi. Poi ha tagliato gli aiuti a tre stati del Centro America, El Salvador Guatemala e Honduras, anche se è stato avvertito che così il problema immigrazione verso l’America diventa peggiore invece che migliorare. Poi ha scoperto che la Nielsen era in viaggio in Europa per incontri con gli alleati europei – si occupa anche di altre cose, terrorismo per esempio – l’ha fatta tornare a metà viaggio e l’ha cacciata. Poi ancora ha dichiarato che il sistema di giudizio per decidere se un immigrato merita oppure no lo status legale di rifugiato non funziona e dovrebbe essere eliminato, come pure è necessario sbarazzarsi dei giudici. In un discorso al confine, Trump ha incolpato il giudice Flores, “chiunque egli sia”, per una sentenza del 1997 che vieta una detenzione più lunga di venti giorni per gli immigrati minorenni – ma la sentenza prende il nome da Jenny Flores, la quindicenne salvadoregna protagonista del caso. Infine ha anche annullato la nomina di Ronald Vitiello a capo della Ice, l’agenzia governativa che si occupa di immigrazione, “perché voglio qualcuno più duro” – e ha licenziato altri dirigenti vicini alla Nielsen. A questo punto ci si chiede su quali provvedimenti vuole puntare per recuperare. Giovedì il Washington Post ha scritto che per due volte negli ultimi sei mesi l’Amministrazione ha considerato l’idea di trasferire tutte le persone fermate al confine nelle città-rifugio come San Francisco, New York e Chicago, che sono le città amministrate dai democratici in cui le autorità locali non collaborano con quelle federali per deportare le persone senza autorizzazione – e Trump ieri ha confermato che ci sta pensando. Sarebbe stato un gigantesco “e allora perché non te li prendi a casa tua”, ma gli avvocati del governo hanno stabilito che non c’è una base legale per pagare il trasferimento obbligato di migliaia di persone per migliaia di chilometri al solo scopo di punire città che hanno eletto politici democratici. 

Daniele Raineri

Daniele Raineri

Di Genova. Nella redazione del Foglio mi occupo soprattutto delle notizie dall'estero. Ora scrivo da New York. Sono stato inviato al Cairo per seguire il Medio Oriente da vicino. Ho lavorato in Afghanistan, Iraq, Pakistan e Siria. Ho studiato arabo in Yemen. Sono stato giornalista embedded con i soldati americani, con l'esercito iracheno, con i paracadutisti italiani e con i ribelli siriani durante la rivoluzione.

Segui la pagina Facebook

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    14 Aprile 2019 - 01:01

    Avevano ragione gli iman quando oltre vent'anni fa, preso atto delle nostre leggi sui "diritti umani" e quant'altro, si sentirono in grado di proclamare papale papale all'Occidente: "Noi con le vostre leggi vi invaderemo, e poi con le nostre vi soggiogheremo". Esattamente quello che gradualmente sta avvenendo qui in Europa. La globalizzazione mediatica inevitabilmente determina la globalizzazione fisica territoriale poiché ispira incoercibili impulsi a miglioramenti esistenziali, quindi a migrazioni di massa. Ovvio che a tutto lo spazio mentale per pensare non corrisponde altrettanto spazio ambientale disponibile per vivere tutti "dove si vede che si sta meglio". Ma è un nuovo problema Politico dalla P molto maiuscola, purtroppo in presenza di politici generalmente dalla p quanto mai minuscola. ...perché non provare a mandare il Papa, a presiedere l'ONU?

    Report

    Rispondi

  • adebenedetti

    13 Aprile 2019 - 23:11

    E` Trump che non ha fatto niente o sono i Democratici che l`hanno impedito? La crisi c`e` sempre stata solo che ora e diventata macroscopica . Pure il NYT ha dovuto prenderne atto Di conseguenza il Foglio lo imita. Speriamo che nelle Citta` Santuario arrivino le decine di migliaia di immigranti illegali che mensilmente entrano negli USA di cui io sono cittadino.

    Report

    Rispondi

    • Ferny55

      15 Aprile 2019 - 10:10

      In realtà averli portati nelle città santuario è stato il motivo per cui i media USA ed i democratici si sono convinti che c'è un'emergenza. Ed il motivo è elettorale: non possono usarli per ribaltare gli Stai in bilico.

      Report

      Rispondi

      • branzanti

        15 Aprile 2019 - 14:02

        Ovviamente sarebbe molto positivo, per gli Usa e per il mondo, capovolgere l'autoritarsmo neofeudale dei repubblicani. Ma la prospettiva temporale, che possa consentire di votare ad una parte delle persone, che cercano rifugio dalle loro sofferenze in Usa, è talmente lunga (decenni) e complicata da rendere tale ipotesi irrealizzabile.

        Report

        Rispondi

        • Ferny55

          16 Aprile 2019 - 08:08

          Strana e bizzarra concezione della democrazia quella di far votare immigrati clandestini anche in presenza di quella che definisce autoritarismo neofeudale dei repubblicani. Che guardando quello che succede in alcuni Stati americani, neanche funziona.

          Report

          Rispondi

        • branzanti

          16 Aprile 2019 - 11:11

          Infatti io parlavo di tempi per la quasi impossibile (oggi) concessione della cittadinanza, rilevando che, se avvenisse, potrebbe contribuire a sconfiggere la componente politica più illiberale, razzista, oscurantista e prona alle lobbies più distruttive (armi, carbone) dell'intero Occidente. Se gli Usa sono un paese dagli enormi, irrimediabili difetti, una responsabilità preponderante ricade sui repubblicani, un partito di cui si apprezza una disumanità sconcertante, tesa costantemente a colpire gli individui ed a togliere loro qualcosa, compresi coloro che imperscrutabilmente continuano con autolesionismo a votarli.

          Report

          Rispondi

Servizi