cerca

Ci sono degli stati americani che corteggiano i rifugiati

 Senza di loro non funziona più nulla, dicono a New York

Paola Peduzzi

Email:

peduzzi@ilfoglio.it

14 Maggio 2019 alle 06:29

Ci sono degli stati americani che corteggiano i rifugiati

RIfugiati messicani al confine con gli Stati Uniti (foto LaPresse)

Portatelo a casa tua, l’immigrato, dice il politico nazionalista, il commentatore nazionalista, il troll (senza etichetta: basta troll) a chi parla di accoglienza o più semplicemente di umanità. Ecco, d’ora in avanti si potrà rispondere con un caso pratico, e qualche numero preciso (riguarda l’America, ma ci arriveremo anche noi): ieri il New York Times ha pubblicato un articolo in cui spiegava tutti gli stratagemmi – un corteggiamento estenuante – che lo stato di New York si sta inventando per attirare rifugiati che stanno in altre zone degli Stati Uniti. Nell’ultimo anno fiscale, New York ha ricevuto 1.281 rifugiati, contro i 5.026 di due anni prima, poco più di un quinto, e ne sente la mancanza. “Se riusciamo a mandare il messaggio che qui ci sono buone opportunità di lavoro ed è un gran bel posto dove crescere i propri figli, abbiamo raggiunto il nostro obiettivo” dice un repubblicano, sì un repubblicano, Anthony Picente, della contea di Oneida.

 

La popolazione locale non cresce, ma la crisi degli anni Settanta e Ottanta che aveva fatto chiudere fabbriche ed esercizi commerciali è finita da tempo e i nuovi lavori sono stati presi soprattutto da immigrati. Che ora scarseggiano perché sono stati messi dei tetti all’ingresso di rifugiati – 30 mila in questo anno fiscale, durante l’Amministrazione Obama era 100 mila – ma sono diventati indispensabili. La città di Buffalo, per esempio, ha perso negli ultimi trent’anni quasi la metà dei suoi abitanti: nei manuali più recenti di economia compare come l’esempio classico del declino della periferia urbana in stati considerati benestanti. Oggi le vie principali sono piene di negozi e di supermercati e nella parte est, che una volta era celebre per l’alto tasso di criminalità, una parte di città inaccessibile come lo era il Bronx a New York City, l’immigrazione per lo più bengalese ha trasformato i bordelli in case e luoghi di ritrovo per gli abitanti di quei quartieri. E anche ora la campagna pubblicitaria per attirare nuovi rifugiati è condotta su Facebook e su Whatsapp dagli stessi immigrati che spargono la voce all’interno della loro comunità. Lo facevano anche in passato, ma ora la questione è urgente. Un imprenditore locale racconta che sta pensando di aprire nuovi negozi – vende prodotti per il corpo – perché c’è molta domanda, ma è preoccupato perché già fa fatica con i punti vendita attuali a trovare personale sufficiente: ora prima di fare un nuovo investimento non si chiede se ci saranno abbastanza clienti ma se troveranno abbastanza commessi.

 

Nell’America della piena occupazione, questo è problema diffuso, che si scontra più di tanti editoriali con l’ossessione di Donald Trump nei confronti dell’immigrazione. Aveva fatto notizia per esempio la storia del Maine: l’ex governatore repubblicano Paul LePage rilasciava spesso dichiarazioni contro gli immigrati, una volta disse che i richiedenti asilo erano da evitare nel modo più assoluto perché portavano le malattie: lui acquistava punti nel Partito repubblicano (anche se poi ora a guidare il Maine è una democratica, Janet Mills) e intanto i datori di lavoro dello stato si disperavano perché avevano assolutamente bisogno di immigrati per potersi espandere. A New York si sono portati avanti con il lavoro, con una certa lungimiranza: i fondi federali per l’accoglienza e l’inserimento degli immigrati sono stati tagliati, così molte agenzie che operavano sul territorio hanno dovuto chiudere. Lo stato di New York ha deciso già nel 2017 di intervenire e così oggi molti servizi – compresi i corsi di inglese – sono a basso o zero costo. C’è chi parla di una competizione tra stati, che si litigano gli immigrati, come in un corteggiamento, dove “portatelo a casa tua” è una vittoria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • branzanti

    14 Maggio 2019 - 14:02

    Agli americani resta solo l'immigrazione da paesi devastati da guerre e carestie, perché quella da paesi avanzati si è fermata. Non solo il clima verso lo straniero è divenuto estremamente ostile, ma la vita negli Usa è ormai totalmente priva di qualsiasi tutela (sanità inaccessibile, violenza endemica nelle strade, anche delle polizie, sicurezza del lavoro inesistente - 95.000 decessi per cause legate al lavoro nel 2017, quasi due Vietnam). Inoltre la proverbiale assenza di propensione dell'ospitalità degli americani, con le logiche scioviniste, è divenuta aperta ostilità ed impossibilità di convivenza. Nessun genitore vedrebbe un figlio partire per gli Usa senza un fremito di terrore.

    Report

    Rispondi

Servizi