Salvini e le alleanze boomerang

Il ministro si accomoda con i volenterosi anti immigrazione, ma l’alleata perfetta sarebbe la Merkel

Paola Peduzzi

Email:

peduzzi@ilfoglio.it

13 Giugno 2018 alle 18:24

Salvini e le alleanze boomerang

Matteo Salvini (foto LaPresse)

Milano. Vogliamo le scuse della Francia, dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini, altrimenti il primo ministro Giuseppe Conte “fa bene a non andare a Parigi”, dove è atteso venerdì. I francesi, che “fanno i fenomeni”, come dice il titolare del Viminale, moderano i toni, non vogliono inasprire lo scontro, “siamo consapevoli degli sforzi italiani” fanno sapere dal Quay d’Orsay, “lavoriamo con l’Italia – dice il presidente Emmanuel Macron – Ma non bisogna cedere alle emozioni”. L’Italia vede in questo conflitto...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mristoratore

    13 Giugno 2018 - 21:09

    Il problema dell'Italia non è distribuire in Europa i pochi migranti che hanno diritto d'asilo, ma invece cosa fare dei tantissimi che NON ne hanno diritto.

    Report

    Rispondi

Servizi