cerca

Governo Spadaro

Dalla Cei (divisa come non mai) neanche una parola sulla crisi. A battagliare contro il populismo ci vanno i gesuiti della Civiltà Cattolica. Con un progetto ben chiaro

21 Agosto 2019 alle 06:08

Governo Spadaro

Comizio di Matteo Salvini a Siracusa (Foto LaPresse)

Roma. E’ rumoroso come non mai il silenzio dei vertici della chiesa italiana nei giorni della crisi e dell’implosione del governo gialloverde dopo appena un anno di vita. Matteo Salvini con crocifisso ben visibile chiede pieni poteri al popolo sovrano, brandendo il rosario, ringraziando la Beata Vergine Maria – ieri l’appello è stato al suo Cuore Immacolato – e appellandosi da un lato al buon Dio e dall’altro al fluido elettorato cattolico che nella sua maggioranza (netta) non ha certo...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Matteo Matzuzzi

Matteo Matzuzzi

E' nato a Udine nel 1986. Si è laureato per convinzione in diplomazia e per combinazione si è trovato a fare il giornalista. Ha sperimentato la follia di fare l'arbitro di calcio, prendendosi pioggia e insulti a ogni weekend. Milanista critico e ormai poco sentimentale, ama leggere Roth (Joseph, non Philip) e McCarthy (Cormac). Ha la comune passione per le serie tv americane che valuta con riconosciuto spirito polemico. Al Foglio si occupa di libri, chiesa, religioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • eleonid

    21 Agosto 2019 - 14:02

    Siamo tutti d'accordo,almeno credo, che se qualcuno entrasse nella nostra casa e pretendesse di mangiare, la nostra prima reazione sarebbe quella di chiamare i carabinieri. Questa sarebbe la reazione istintiva sia dei cattolici o non. Ma se ci capitasse di vedere una persona che ha bisogno di mangiare per poter sopravvivere ,credo che un cattolico ,che brandisca un rosario o la croce, o si affidi alla Madonna, si precipiterebbe per dargli da mangiare. Questo significa seguire il Vangelo da non confondere con la politica nostrana. Dal dopoguerra a prima di questo governo, cattolici o non, era cultura generale praticare la solidarietà. Chi si faceva paladino di questo sentimento faceva anche la carriera politica ,senza scomodare Dio e la Madonna. I tempi sono cambiati? Per favore lasciamo perdere Dio e la Madonna. Ognuno risponda delle sue azioni , e non facciamo prediche di tipi religioso, o richiami dei nostri santi.

    Report

    Rispondi

  • Vanettic@gmail.com

    Vanettic

    21 Agosto 2019 - 10:10

    Interessante articolo... da Socialista Cattolico praticante ritengo fondamentale che la chiesa torni ad attivarsi vivamente nella coscienza delle persone. Ma finché scandali dettati principalmente da voglia di audience prevarranno sui giornali rispetto alle tante cose che le persone normali cristiane fanno quotidianamente allora gesti come quelli sconcertanti di Salvini avranno un potere catalizzante sulla popolazione. Voi giornalisti avete un potere unico in Italia, quello di distruggere o accrescere qualsiasi cosa... ecco... iniziate dal far accrescere la serenità e la bellezza dell'essere cattolici o laici o bianchi o neri o... qualsiasi cosa che possa rasserenare la popolazione facendole capire che siamo fortunati a viver nella nostra cara amata patria

    Report

    Rispondi

  • Carlo A. Rossi

    21 Agosto 2019 - 09:09

    Se posso intervenire su questo punto: vero è che il dovere di un cristiano, anzi, la virtù teologale più importante è (Paolo, 2. Lettera ai Corinzi), l'amore, o carità. E su questo non ci piove. Ma Paolo ribadisce anche, e in termini molto chiari, nella Seconda Lettera ai Tessalonicesi, che è dovere di un cristiano quello di lavorare. Precisamente, Paolo scrive che chi non vuol lavorare, non pretenda nemmeno di mangiare (oggidì, si direbbe "niente pasti gratis"). Similmente, Paolo ribadisce ancora l'ottemperanza ai doveri fiscali verso lo Stato e l'obbedienza ai governanti (a meno che questi non siano dei tiranni sanguinari). Dunque: che molti "naufraghi" arrivino con l'idea di accomodarsi allo stato sociale, scusate, penso sia palese: tradotto, non vogliono lavorare, ma vogliono mangiare. Secondariamente, Salvini NON è (ancora) un tiranno sanguinario. E dunque? Com'è che questi presuli citano solo quel che fa comodo a loro e alla loro ideologia?

    Report

    Rispondi

Servizi