cerca

Perché Greta Thunberg non c'entra nulla con Giovanna d'Arco

Nello spettacolo teatrale di Monica Guerritore l'icona della lotta ai cambiamenti climatici è paragonata all'eroina francese. Che però combatteva per difendere lo status quo

8 Aprile 2019 alle 15:32

Perché Greta Thunberg non c'entra nulla con Giovanna d'Arco

Greta Thunberg (foto LaPresse)

Pensavo fosse Greta Thunberg invece era Giovanna d'Arco. Monica Guerritore sta portando a termine le repliche - circa cinquecento - dello spettacolo che ha scritto e diretto sulla Pulzella d'Orléans e, ai giornali, assicura che "Giovanna mi ha trasmesso la sua voglia di lottare contro il potere: una ragazza contro, come quelle che oggi vanno in piazza per cambiare il mondo". Nello spettacolo infatti la Pulzella viene accostata a figure di grandi ribelli, da Che Guevara a Martin Luther King fino al ragazzo in piedi di fronte al carro armato di piazza Tienanmen. Dai libri di storia tuttavia risulta che, nel 1429, Giovanna d'Arco prese le armi alla guida di un contingente concessole da Carlo VII di Valois non per cambiare il mondo, o almeno la Francia, ma per far sì che restasse esattamente come era prima. Infatti Carlo VII era il legittimo erede al trono di Francia ma suo padre Carlo VI, afflitto da malattia mentale, nei 1420 era stato costretto dagli inglesi e dai ribelli sostenitori dei duchi di Borgogna a firmare un documento in cui dichiarava bastardo suo figlio e proclamava erede il re d'Inghilterra. Col suo eroismo, Giovanna ottenne invece che Carlo VII venisse incoronato nella cattedrale di Reims e riconosciuto sovrano secondo la legittima linea di discendenza: non sembra molto ostile al potere, tanto che (si racconta) la prima volta che incontrò Carlo VII gli si buttò alle ginocchia nonostante il sovrano si fosse travestito da cortigiano per saggiare la fedeltà della Pulzella. Altro che Tienanmen, altro che Che Guevara: anzi, Giovanna d'Arco sembra proprio combattere per la stabilità del potere messo in discussione da forze ribelli - quegli stessi ribelli che la fecero processare e mettere al rogo. Urgono altre cinquecento repliche per ripassare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Caterina

    Caterina

    08 Aprile 2019 - 21:09

    Che sia per lo status quo o no, l’hanno fatta “santa subito”.

    Report

    Rispondi

  • stearm

    08 Aprile 2019 - 16:04

    Anche Greta lotta per lo status quo, per il conservatorismo ambientale. Siamo nel 21 secolo, il capitalismo, è questa la sua forza, non pensa solo a distruggere, ma ha bisogno per sopravvivere della creazione e soddisfazione di nuovi bisogni. Gli anti-capitalisti per la verità sono coloro che s'immaginano il capitalismo come ideologia rivoluzionaria. Lo fu magari agli inizi, quando si sostituì al feudalesimo, tra l'altro senza cercare lo scontro, ma adattandosi. Il capitalismo per reinventarsi ha bisogno di nuovi stimoli. Insomma, se alcuni ambientalisti si considerano rivoluzionari o anti-capitalisti, non hanno capito nulla. Lo stesso vale per chi si oppone all'ideologica ambientalista perchè elitaria. Purtroppo i danni del marxismo per la comprensione del capitalismo, sono duplici, offuscano le menti di chi si oppone e di chi crede di difenderlo.

    Report

    Rispondi

Servizi