Maurizio Crippa

Maurizio Crippa

Maurizio Crippa, vicedirettore, è nato a Milano un 27 febbraio di rondini e primavera. Era il 1961. E’ cresciuto a Monza, la sua Heimat, ma da più di vent’anni è un orgoglioso milanese metropolitano. Ha fatto il liceo classico e si è laureato in Storia del cinema, il suo primo amore. Poi ci sono gli amori di una vita: l’Inter, la montagna, Jannacci e Neil Young. Lavora nella redazione di Milano e si occupa un po’ di tutto: di politica, quando può di cultura, quando vuole di chiesa. E’ felice di avere due grandi Papi, Francesco e Benedetto. Non ha scritto libri (“perché scrivere brutti libri nuovi quando ci sono ancora tanti libri vecchi belli da leggere?”, gli ha insegnato Sandro Fusina). Insegue da tempo il sogno di saper usare i social media, ma poi grazie a Dio si ravvede.

E’ responsabile della pagina settimanale del Foglio GranMilano, scrive ogni giorno Contro Mastro Ciliegia sulla prima pagina. Ha una moglie, Emilia, e due figli, Giovanni e Francesco, che non sono più bambini

Trovati 1425 risultati

Maria Elena Boschi, il ministro della solitudine
Marchionne non vede  Renzi? Forse la Ferrari è indietro
Noi interisti, che soffriamo le torture cinesi e il loro braccino corto
Cruxman, il super prete
Immigrati, sicurezza, lavoro. Gori spiega il riformismo di razza Pd
Se i lettori-elettori credono a noi, la colpa è loro
Cari cinematografari, mettetevi a lavorare
Corteggiare è bello, perché je suis Silvio Berlusconi
Chiusi a San Siro
Il subdolo attacco alla democrazia lo fanno già i partiti
La sinistra lombarda all’ultima battaglia
Il Cav. e i richiedenti scusa. Dopo il Monde, manca Fini
Spalletti ha fatto patatrac e noi Fratelli Bauscia ce lo aspettavamo
La “felicità ascendente”, le foto in rete, le multe

Multimedia

Servizi