cerca

C’è solo CR7

Lunga vita al calciomercato, che da giorni ci fa parlare soltanto dell’arrivo di Ronaldo alla Juve

Piero Vietti

Email:

vietti@ilfoglio.it

5 Luglio 2018 alle 19:35

C’è solo CR7

Cristiano Ronaldo (foto LaPresse)

Lasciateci nell’incertezza ancora un po’, non annunciatelo subito. Lasciateci discutere in ufficio, in spiaggia, al bar, a cena con gli amici, all’aperitivo e in coda alla Posta. Lasciate che gli juventini sognino, che i padri non juventini tremino per la fede a rischio dei propri figli, che gli antijuventini provino a buttarla sul ridere per non piangere. Da quanti anni in Italia il calciomercato non regalava il forsennato entusiasmo di questi giorni? Cristiano Ronaldo, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio, sicuramente il più amato, seguito, idolatrato e discusso al mondo oggi, nelle prossime ore potrebbe diventare un giocatore della Juventus, la squadra più tifata e più odiata in Italia. Come ogni notizia clamorosa, anche questa ha avuto una genesi da bolla mediatica perfetta.

 

Lanciata come suggestione dai giornali sportivi italiani – gli stessi che da anni accostano qualunque nome di grande giocatore a qualunque squadra medio-grande – è stata ripresa da quelli spagnoli, così che gli italiani hanno potuto dire ecco, vedete, lo dicono anche gli spagnoli. In tutto questo di vero c’era la rottura di CR7 con il Real Madrid, e il fatto che l’unica società italiana in grado di comprare l’attaccante portoghese sia proprio quella bianconera, non solo perché in grado di offrirgli stipendio e palcoscenico adeguati, ma anche pronta a gestire i benefici commerciali che l’arrivo di Ronaldo porta con sé. La Juve ci prova sul serio, e fa benissimo perché può riuscirci davvero. Tutto il resto appartiene al meraviglioso mondo del possibile e dell’impossibile in cui il cuore del tifoso batte a ogni sessione di calciomercato. Da qui è un attimo finire nelle leggende metropolitane: CR7 è stato avvistato a Torino almeno cento volte da cento persone diverse nelle ultime ore, starebbe già facendo ristrutturare una villa con tre piscine (non molto utili nella fredda Torino, se non per qualche settimana all’anno), starebbe cercando un garage per le sue automobili e avrebbe camminato sulle acque del Po.

 

C’è poi l’episodio surreale del neo acquisto del Torino, Izzo, che arriva all’aeroporto conciato in modo da ricordare il campione portoghese, e la gente ovviamente si convince che CR7 è atterrato a Torino con un volo di linea proveniente da Napoli. C’è la frustrazione di noi granata – che già immaginiamo Cristiano infilare lo stesso Izzo più e più volte al derby – quella degli interisti – tornati dopo anni a riveder le stelle e in piena campagna acquisti quasi perfetta, oscurata dal colpo che segnerà la sorte dei prossimi campionati – quella dei milanisti che dieci anni fa compravano Ronaldinho e oggi puntano a Zaza, quella dei napoletani che con Ancelotti pensavano di essersi assicurati lo scudetto. Il fascino del calciomercato non tramonterà mai: quella sospensione del tempo e dello spazio in cui ogni desiderio del tifoso è possibile è l’ultimo rifugio dei romantici del pallone. Alzi la mano però chi avrebbe mai pensato che Cristiano Ronaldo potesse davvero finire alla Juventus, a giocare in questa scalcagnata serie A snobbata dai campioni che abitano la Liga e la Premier. Sono ancora suggestioni, si dirà, non c’è nulla di concreto. Ma tanto basta per non farci parlare di altro. Lunga vita al calciomercato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    07 Luglio 2018 - 11:11

    C'è sempre qualche imbecille che purtroppo non ha ancora capito che l'eventuale arrivo di Cr7 alla Juventus sia un bene per tutto il calcio italiano sia in termini di popolarità e interesse sportivo che di riscontri economici. Tutte le statistiche confermano essere Cr7 il più popolare calciatore del pianeta, il che signfica che le sue prestazioni con il pallone attirano milioni di spettatori in ogni dove, quale che sia la maglia che indossi. Ovvero giocasse con la Juventus in termini di audience la situazione non cambierebbe, ma coinvolgerebbe pienamente anche ogni temporanea squadra avversaria di campo della Juve, non è difficile capire con benefici di popolarità, e dunque di remunerazione economica, anche per i suoi sponsor. C'era una volta un campionato italiano in cui militavano tali Maradona, Platini, Zico, Zidane, Van Basten, ecc. ecc., ovvero il meglio del calcio mondiale. E vincemmo Champions e pure titoli ai mondiali, dai quali siamo miseramente oggi esclusi.

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    06 Luglio 2018 - 20:08

    Pare che a chi gli chiedeva perché voleva andare alla Rubentus, CR7 abbia dichiarato: "Sono stufo di vincere la Champions"

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    06 Luglio 2018 - 13:01

    Io tifo per CR7 alla Giuve: un motivo in più per odiarla!

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    06 Luglio 2018 - 10:10

    Grazie e complimenti, caro Vietti, per queste splendide, argute e divertenti riflessioni. Assolutamente meritevoli d’essere accostate al pensiero di Pier Paolo Pasolini che affermo’: “ Il calcio e’ l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo. E’ rito nel fondo, anche se e’ evasione. Mentre altre rappresentazioni sacre, persino la messa, sono in declino, il calcio e’ l’unica rimasta ci. Il calcio e’ lo spettacolo che ha sostituito il teatro”. E Cristiano Ronaldo e’ il primattore mondiale. Gianfranco Trombetta

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi