cerca

Cristiano Ronaldo alla Juventus (Buffon pensaci tu)

Guardare CR7 e pensare all'ex capitano bianconero che gli fotte la Champions League. Mentre il mio Toro presenta i giocatori nel salotto della nonna

10 Luglio 2018 alle 21:00

Cristiano Ronaldo alla Juventus (Buffon pensaci tu)

Cristiano Ronaldo e Gianluigi Buffon (foto LaPresse)

Finalmente il Real Madrid ha confermato la cessione di Cristiano Ronaldo alla Juventus, ponendo fine alla seconda attesa più lunga e sentita dell’anno dopo quella per la formazione del governo Conte. Al momento dell’annuncio era già tutto perfetto, previsto, a posto – c’era già la lettera strappalacrime di CR7 ai tifosi, il toccante “gracias” della società spagnola, l’iniziale understatement sabaudo della società bianconera con l’hashtag tanto semplice quanto efficace #CR7Juve.

 

Le voci che, incontrollate, davano il portoghese avvistato più volte a Torino nei giorni scorsi, in alcuni casi in due luoghi diversi contemporaneamente, trovavano finalmente conferma e riprendevano fiato per assicurare che la presentazione ufficiale sarà uno spettacolo mai visto prima.

 

  

Nelle stesse ore, più modestamente ma con altrettanto orgoglio, il Torino ufficializzava l’acquisto di Bremer (“Chi?”, chiedevano i più cinici, “un difensore fortissimo”, giuravano i feticisti di YouTube). Lo faceva con una foto pubblicata sui propri social network in cui il giovane brasiliano teneva in mano – male – la maglietta granata, sullo sfondo un termosifone grigio con qualche soprammobile, una pianta di plastica, una finestra con le tende della nonna e una foto del presidente Urbano Cairo appesa al muro, forse con lo scotch. Nessun hashtag, naturalmente. Nella mattinata, la leggenda voleva che il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, fosse salito su un aereo – diventato in poche ore un jet supersonico di lusso – per volare in Grecia a far firmare personalmente il contratto al più forte e seguito giocatore del mondo, diventando forse il presidente più amato della storia bianconera. Nelle stesse ore il presidente del Torino rispondeva sul suo profilo Instagram ai tifosi che commentavano una sua foto a un evento di Dolce&Gabbana, rispolverando il luogo comune sulla sua parsimonia: “Metti due salatini in tasca che li porti domani in ritiro per far pranzare la squadra”, lo trollava @instampatello. “Sei un coglione”, replicava dialogante @urbano.cairo.

 

Lucky Man at Dolce &Gabbana ‘s Party alla Villa Pliniana sul Lago di Como

Un post condiviso da Urbano Cairo (@urbano.cairo) in data:

 

Sui social network la sofferenza di noi antijuventini è diventata subito sfoggio di orgoglio strapaesano, in fondo in fondo quasi sincero: basta sopracciglia rifatte e figli in provetta, urlavamo in caps lock, no ad allenamenti furiosi, simulazioni e sponsor anche quando va al cesso, viva il calcio pane e salame, gli scherzi in ritiro e il caffè Borghetti. C’è voluto poco, però, per passare agli auguri di rottura del crociato, all’invocazione dell’entrata catartica di un difensore a caso del Frosinone sul suo malleolo dorato (assicurando il quale CR7 potrebbe comprarsi il Milan oggi stesso). La terza fase è iniziata poco dopo: quella cioè in cui si cercava di sostenere che giocare in Italia non è come giocare in Spagna, che a trentaquattro anni è più difficile fare la differenza, che la rovesciata di Belotti contro il Sassuolo era più difficile di quella di Ronaldo alla Juve in Champions, e che comunque – come direbbe Fedro – il calciatore portoghese è antipatico. Ovviamente nulla di tutto ciò regge, persino i meme sull’anagramma di Cristiano Ronaldo (starò con i ladroni) non ci fanno più ridere, chi ha sempre amato CR7 come giocatore fatica anche solo a immaginare di poterlo odiare, la Juventus ha fatto il colpo del secolo, ha preso il giocatore più tifato dai bambini di tutto il mondo, lo ha fatto gestendo l’operazione in modo algido, senza errori. Non basteranno il calcio pane e salame, né i difensori del Frosinone, né l’età a fermarlo, lo sappiamo bene. Ma alla sola idea che la Juventus a maggio perda la finale di Champions League contro il Paris Saint-Germain, con Buffon che para il rigore decisivo a CR7, il nostro cuore ricomincia a battere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    11 Luglio 2018 - 10:10

    E' mistero sono nato anti Giuve da quando il grande Torino cadde come peso morto cade.. Mi piace il calcio e tifo per le squadre che fanno il bel calcio il Brasile che fu ,il PsG o Bayern ecc . . La Giuve di Conte giochicchiava e vinceva ,la Giuve di Allegri fa finta di giocare e vince ed io cambio canale. Non è caso che non vince una champions da illo tempore

    Report

    Rispondi

  • ceva.paola

    10 Luglio 2018 - 23:11

    Ma dai! Pensavo proprio a CR7 che sfonda la porta di quel piagnone di Buffon :-)

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    10 Luglio 2018 - 23:11

    Caro Vietti, la Juve non vincerà la Champions, ma Buffon, che avrebbe dovuto appendere le scarpe al chiodo, la vedrà con il binocolo.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    10 Luglio 2018 - 21:09

    Pezzo stupendo. La foto e il tweet di Torino Football Club però sono oltre.

    Report

    Rispondi

Servizi