cerca

Arriva un’altra movida

No, non si torna agli anni Settanta quando i fratellini venivano mandati a controllare la sorella e il di lei fidanzato

26 Maggio 2020 alle 06:00

Arriva un’altra movida

(foto LaPresse)

L’Italia ripudia l’assistente civico. Dice che è figura paternalista, statalista, offensiva, illiberale, costrittiva. Per Giorgia Meloni è una “milizia autorizzata dal governo”, segnale inequivocabile della “deriva autoritaria grottesca e preoccupante” verso la quale ci avviamo; per Matteo Salvini è un’esagerazione, un’intrusione nel privato degli italiani che invece necessitano di lavoro e non di “ispettori alle calcagna”. Ohibò, la destra italiana ne è uscita progressista. L’AC (acronimo innegabilmente funesto) convince soltanto chi l’ha proposto, e cioè il ministro per gli Affari...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Simonetta Sciandivasci

Nata a Tricarico nel 1985 e cresciuta tra Matera e Ferrandina, ora vive a Roma, senza patente. Libri, uno: La Domenica Lasciami Sola (Baldini&Castoldi, 2014). Scrive su Il Foglio, Linkiesta, Rolling Stone, La Verità. È redattrice di Nuovi Argomenti.
Tanto vale vivere.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi