cerca

Scienziati contro Fioramonti: "No a Vandana Shiva"

Per la Federazione Italiana Scienze della Vita l’attivista indiana, scelta dal ministro come consigliera al Miur, è una "acerrima nemica di ogni nuovo approccio razionale riguardo l’agricoltura e la produzione di alimenti”

25 Settembre 2019 alle 18:46

Vandana Shiva scelta da Fieramonti come consulente per sviluppo sostenibile. Ma per la comunità scientifica è un grande "no"

Vandana Shiva (Foto LaPresse)

Tra scioperi sul clima e proposte di tassazione di bibite e merendine, il ministro dell'Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) Lorenzo Fioramonti ha annunciato “un consiglio scientifico per lo sviluppo sostenibile di cui fanno parte persone di spicco come Enrico Giovannini, Jeffrey Sachs e Vandana Shiva”. Tra i nomi proposti spicca Vandana Shiva, figura globalmente conosciuta per una serie di bufale, a partire dal proprio titolo – si auto-millanta scienziata, biologa vegetale e persino “esperta in fisica quantistica” – sino ad arrivare a teorie complottiste contro Ogm e sostanze chimiche varie (come il glifosato).

 

La scelta della pseudo-scienziata Vandana Shiva per un ruolo così importante come quello di “consulente scientifico per lo sviluppo sostenibile” all'interno del Miur non ha lasciato indifferente la Federazione italiana scienze della vita che unisce quattordici società scientifiche italiane e rappresenta oltre settemila ricercatori, tra cui esperti in biologia vegetale e nel settore dell'agricoltura. Gli scienziati della Fisv ha hanno criticato la scelta decisione del ministro Fioramonti, in quanto “l’attivista indiana Vandana Shiva non è una biologa vegetale, tanto meno una scienziata, avendo conseguito un dottorato di ricerca in filosofia”. “Preoccupa – dice il documento della Fisv – che un Ministero dedicato allo sviluppo della ricerca scientifica in Italia chiami una persona non titolata in tematiche biologiche e agricole nel Consiglio scientifico sullo sviluppo sostenibile” anche perché “l’attivista è acerrima nemica di ogni nuovo approccio razionale riguardo l’agricoltura e la produzione di alimenti, dalle tecnologie genetiche, ai sostituti vegetali della carne, alla lotta ai parassiti, oltre a condurre una antica battaglia contro la ricerca degli Ogm”.

 

Tra le forze politiche il coordinatore della segreteria di Più Europa, Giordano Masini, ha commentato la scelta del ministro con preoccupazione: "È una notizia incredibile e inquietante, sulla quale Fioramonti dovrebbe dare qualche spiegazione. Vandana Shiva è una nota propalatrice di bufale e menzogne antiscientifiche sull'ambiente, la ricerca e lo sviluppo. Non si capisce cosa ci faccia in un'istituzione come il Miur, peraltro in un organismo dedicato allo sviluppo sostenibile".

 

Per approfondire:

Il “panzanario” di Vandana Shiva

Chi è la pseudoscienziata che il ministro Fioramonti ha scelto come consulente in un "consiglio scientifico sullo sviluppo sostenibile"

Lorenzo Fioramonti è il nuovo Danilo Toninelli

Contraddittorio, bislacco e con l’aggravante di essere professore. Ecco a voi il ministro dell'Istruzione

Da Vandana a Scalfari, tempi grami per gli oracoli papali (non richiesti)

La guru parla di ecocidio, i valdesi contro il fondatore.

Così Vandana Shiva all'Expo di Milano è diventata un caso

In origine ci fu una lunga inchiesta del New Yorker su Vandana Shiva di fine agosto, poi la risposta pubblica e stizzita dell'attivista indiana anti Ogm, e infine la replica del direttore del giornale liberal americano, David Remnick. Internet, radio e giornali: aumenta il numero di chi invoca un dibattito più laico ed equilibrato su Ogm e agricoltura.

Ora anche gli ecologisti "rottamano" la Shiva

Continua a far discutere l'inchiesta del settimanale liberal New Yorker su Vandana Shiva, attivista anti Ogm (Organismi geneticamente modificati) e partner d'eccezione per l'Expo milanese del prossimo anno. Curriculum, toni e tesi utilizzati dalla Shiva sarebbero più che fragili, per quanto roboanti.

Caro Renzi, rottama Vandana Shiva

La burocrazia fa un falò della ricerca, il presidente del Consiglio reagisca. Il prof. Rugini e la sua ricerca al rogo per ordine dello stato italiano.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi