cerca

Il virus e il bisogno di responsabilità politica

La questione richiede una logica di neutralità tecnica garantita e sorvegliata dall'unico elemento nel quale si ritrova, in occasioni come queste, anche un individualista: l’autorità legittima

23 Febbraio 2020 alle 06:07

Il virus e il bisogno di responsabilità politica

Giuseppe Conte al cdm straordinario alla protezione civile di Roma (foto LaPresse)

Io alla fine mi fido dei giornali e della tv, luoghi di lavoro di una vita, sebbene si moltiplichino le delusioni, anche molto amare, e tutto stia nel sapere fruire con criterio degli uni e delle altre; mi fido degli esperti, sebbene abbia qualcosa da obiettare sul profilo pubblico di alcuni tra loro, i più divulgati e famosi, e su certe dinamiche emulative o di aperta e spietata concorrenza nel mercato della sanità scientifica; mi fido dei pregiudizi, in moltissimi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ancian99

    24 Febbraio 2020 - 20:06

    Ringrazio non solo il Dott.Ferrara, ma tutta la redazione del Foglio per l'approccio tecnico,privo di inutili commenti, alla diffusione del virus. Altro è il virus, molto più pericoloso, che può contagiare migliaia di menti, deboli, prive di capacità critica e,anche, private della giusta, corretta informazione. Occorre, in questo senso, un appello di tutti gli Italiani che non si fanno prendere dall'isteria diffusa da certa stampa italiana o dai social o da certi programmi televisivi, i quali non sanno fare altro che pubblicare pagine intere con titoli da incubo, per ottenere il maggior numero di lettori, o intervistare virologi che non possono aggiungere nulla rispetto a quanto risulta da fonti internazionali accreditate.

    Report

    Rispondi

  • bezzicante

    24 Febbraio 2020 - 18:22

    Concordo e ringrazio per quel "locupretato". Leggere Ferrara vuole dire ragionare sulla politica e imparare parole nuove (per fortuna ci sono i dizionari on line)

    Report

    Rispondi

  • Caronte

    24 Febbraio 2020 - 15:28

    va benissimo l'autorità legittima, ma se l'autorità non è autorevole? lasciando perdere il senso di bloccare i voli diretti dalla Cina quando chi proveniva da lì poteva atterrare a Monaco o Basilea e in mezza giornata di treno arrivare in Italia senza neanche passare i controlli negli aeroporti ma già venerdì le regioni chiedevano alle zone colpite di isolarsi, il cdm si è riunito con calma sabato notte, i primi posti di blocco sono stati fatti domenica notte...in più qualche decimale di pil lo perderemo senz'altro senza contare il resto. sono di Milano e oggi vedere la città così pensando che probabilmente è solo l'inizio mi si stringe il cuore...chi governa è responsabile, se questa è la situazione qualche sbaglio c'è stato, chi sbaglia paga. tutto il resto sono chiacchiere...

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    24 Febbraio 2020 - 15:27

    L'insieme degli italiani: indole, costumi, storia, cultura, per come intendono e praticano la contesa politica, impediscono che si formi un clima di fiducia nei confronti della politica, e la legittimazione condivisa di ogni forma di autorità. Le fazioni alimentano e sfruttano questo andazzo. Al massimo ci si fida e si legittima l'autorità della propria parte. Vale, sembra surreale, anche nei confronti della Scienza, della biologia, dei vaccini, della salute e, grosso baco, anche dell'informazione e dei media. Aver creduto che “uno, vale uno” la dice lunga sull’indole e i costumi correnti. Giusto, logico, fare appello al senso di responsabilità e a fidarsi solo dei comunicati ufficiali diffusi dalle autorità competenti. Già: Autorità e Competenti. Ma qui casca l'asino. Non ci fidiamo dell’Autorità, Speriamo che i vari politici, quelli che passa il convento, si rendano conto che in questa circostanza il "viribus unitis" è il solo, necessario, imperativo. Lo capiranno? Loro e i media? O

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi