cerca

No allo stato etico

Marcucci, capogruppo pd al Senato, non vuole andare dove va Renzi (ma neanche dove va Bettini)

7 Maggio 2020 alle 06:00

No allo stato etico
Roma. Giuseppe Conte? “Si può criticare, come tutti”. Il Pd? “Può essere solo riformista, o non è”. Ma Italia viva che fa? “A dire il vero, non l’ho capito”. Andrea Marcucci, capogruppo del Pd al Senato, è ottimista sulla fase 2 del governo Conte, ma ci tiene a spiegare che niente è dovuto. “Io credo che questa maggioranza durerà, nonostante le fibrillazioni. Andare al voto nel mezzo di un’emergenza e con in corso una riforma costituzionale sarebbe un’ipotesi estremamente rischiosa...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

David Allegranti

David Allegranti, fiorentino, 1984. Al Foglio si occupa di politica. In redazione dal 2016. È diventato giornalista professionista al Corriere Fiorentino. Ha scritto per Vanity Fair e per Panorama. Ha lavorato in tv, a Gazebo (RaiTre) e La Gabbia (La7). Ha scritto cinque libri: Matteo Renzi, il rottamatore del Pd (2011, Vallecchi), The Boy (2014, Marsilio), Siena Brucia (2015, Laterza), Matteo Le Pen (2016, Fandango), Come si diventa leghisti (2019, Utet). Interista. Premio Ghinetti giovani 2012. Nel 2020 ha vinto il premio Biagio Agnes categoria Under 40. Su Twitter è @davidallegranti. Contatto Signal: +1 718 710 4621

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • studio.falco

    07 Maggio 2020 - 17:06

    Riformismo e Pd sono la stessa cosa? Mah. Non mi risulta. Appaiono sempre più parole vuote e stridenti con la realtà. Un mantra di sinistra. Riformismo, riformismo. Ma dove? A chiacchiere sono tutti riformisti. Quando però, le rare volte si scende sul piano pratico, SOLO perché viene fuori dalla "massa" un PAZZO ( da ultimo Renzi - che io ho votato convintamente)che vuole mettere mano a riforme, ecco che soloni di ogni genere e specie, sistema mediatico teleguidato, ed interessi di vario genere convergono su una sola linea: cancellare, abbattere, distruggere ogni ipotesi di riforma. E sistematicamente vi riescono . E così l'Italia arretra sempre più. Il Pd aveva la bava alla bocca pur di andare a governare con i grillini. Cosa non hanno fatto Franceschini e Boccia ed altri del Pd per riuscirvi. Ed ora eccoli lì, felici di stare al governo. E, tuttavia il destino ( covid) ha voluto far emergere, oggi più che mai, tutte le crepe di un alleanza innaturale. E' la democrazia e così sia.

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    07 Maggio 2020 - 08:31

    Tutto è bene quel che finisce bene, onorevole Marcucci! Sono d'accordo che la politica del vecchio metodo democristiano sia un bene per l'Italia. Ma attenzione perché di questi tempi non ce ne sono mica tanti di uomini politici di spessore che non prendono lucciole per lanterne. Ultimamente di bagliori ne abbiamo presi tanti . Stiamo attenti a non andare a sbattere pur di non ascoltare Italia Viva .

    Report

    Rispondi

Servizi