cerca

Smetterla di inseguire i populisti

Il dovere delle destre europee per spezzare il filo illiberale che lega i nazionalisti alla Russia di Putin

Claudio Cerasa

Email:

cerasa@ilfoglio.it

11 Luglio 2019 alle 06:08

Smetterla di inseguire i populisti

Vladimir Putin (foto LaPresse)

Per capire il filo che lega in modo indissolubile il progetto politico di Vladimir Putin a quello di Matteo Salvini occorre dimenticare per un attimo il tema dei soldi e concentrarsi sulla ciccia. Putin e Salvini hanno una speciale e naturale sintonia che nasce dalla condivisione di un ragionamento politico chiaro e lineare: per provare a distruggere l’Europa occorre distruggere le fondamenta che sostengono l’Europa e per distruggere le fondamenta che sostengono l’Europa occorre creare un’alleanza tra i partiti e i paesi che considerano prioritaria la distruzione di ogni anticorpo capace di difendere i cittadini dal virus del pensiero illiberale.

 

Vladimir Putin, nella famosa intervista rilasciata due settimane fa al Financial Times, ha dichiarato – mostrando ancora una volta una splendida (ops) sintonia con Matteo Salvini – obsolete e decotte le idee del liberalismo. Ma la verità è che oggi prima ancora del pensiero liberale, a essere in crisi, a essere posto sotto assedio dal nazionalismo di matrice populista e putinista è, come ha notato la scorsa settimana l’Economist nella sua storia di copertina, il pensiero di una destra presentabile. Soldi o non soldi non è un caso che in giro per il nostro continente i populismi che stanno provando a mangiarsi le destre conservatrici – Farage in Inghilterra, l’Fpö in Austria, la Le Pen in Francia, l’AfD in Germania, la Lega in Italia – siano sostenuti in modo più o meno diretto dai compagni di viaggio della Russia putiniana (ops).

 

E non è un caso che in giro per l’Europa le destre che riescono a resistere meglio delle altre all’assalto dei populismi siano quelle che hanno scelto di opporsi in modo netto a tutti coloro che ogni giorno minacciano, come Putin e come Salvini (ops), i valori non negoziabili della società aperta. Il conservatorismo se la passa maluccio in buona parte dei paesi europei – in Spagna si sta erodendo, in Germania si sta infiacchendo, in Gran Bretagna si sta suicidando – ma se la passa ancora peggio in quei paesi in cui le leadership i populismi piuttosto che combatterli scelgono di inseguirli. In Francia, alle europee, i repubblicani hanno ottenuto l’8,6 per cento. In Italia, Forza Italia, alle ultime elezioni ha preso l’8,7 per cento e gli ultimi sondaggi la danno addirittura sotto Fratelli d’Italia (6,3 per cento).

 

Nonostante questo, nonostante la linea non efficace e un pizzico suicida dell’opposizione che fa opposizione al governo promettendo di allearsi con uno dei partiti di quel governo, ciò che resta del centrodestra italiano continua a vivere nell’ambiguità, non combattendo lo stesso pensiero sfascista che sta aggredendo i valori non negoziabili della società aperta e continuando a ignorare i segnali che più o meno ogni giorno gli offre la politica. Un primo segnale è quello che riguarda la scelta appena fatta da Salvini e confermata dalla volontà di dare il via al rimpasto: non capitalizzare il consenso raccolto alle europee e non sfruttare la finestra elettorale di settembre – e se Salvini ha preso questa decisione è anche perché il leader della Lega non ha intenzione di andare a votare con un centrodestra allargato. Se in Italia ci fosse una destra con la testa sulle spalle dovrebbe prendere al volo l’occasione del rinvio delle elezioni non per trovare un modo per sottomettersi ancora di più al pensiero del Capitano ma per affrancarsi e sfidare il trucismo di governo. E’ quello che suggerisce il buonsenso, è quello di cui ha bisogno l’Italia e curiosamente è quello che sembrano chiedere gli elettori.

 

Sabato scorso Giovanni Toti, governatore della Liguria e coordinatore nazionale di FI insieme a Mara Carfagna, ha mostrato ai suoi sostenitori riuniti al Teatro Brancaccio di Roma una serie di sondaggi commissionata alla Swg. Tra questi sondaggi, Toti ne ha mostrato uno particolare. Domanda: “Lei ritiene necessario avere una forza politica moderata di centrodestra alleata con la Lega?”. Risposta: il 26 per cento ha risposto “non saprei”, il 33 per cento degli interpellati ha risposto sì (molto necessario, abbastanza necessario), il 41 per cento ha risposto no (poco necessario, per niente necessario). Per salvare la democrazia liberale, serve una destra non sfascista capace di emanciparsi dai populismi nazionalisti e putiniani. Prima l’Italia lo capirà e prima sarà possibile avere un’alternativa capace non di alimentare ma di combattere i campioni della democrazia illiberale.

Claudio Cerasa

Claudio Cerasa

Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    11 Luglio 2019 - 16:04

    Al direttore – Comprendo e culturalmente apprezzo la sua impostazione, legittima e spontanea. Purtroppo la Storia, che dovrebbe essere magistra vitae, ci narra che ogni suo passo è sempre stato dettato dall’inseguire, sia culturalmente, sia nei costumi, sia nella morale, ogni tendenza che avesse assunto il peso di massa critica contraria all’esistente. Accadde col congresso di Vienna, col patto di Monaco, con Stalin, con Mussolini, con Hitler, con Mao, col l’inseguire i LGTB, l’aborto legalizzato, la legittimazione del fine vita volontario. Nell’inseguire i “desideri” e la “libertà senza responsabilità”, gli anticasta, le passioni e gli istinti prevalenti, ecc. La Storia cammina con le proprie gambe che non coincidono col nostro pensiero di “come dovrebbe essere”. Tutto il nostro perenne contrastarci, sempre sfociato nelle "personalizzazioni di comodo" nasce da lì. Non è una novità e, al limite, neppure una notizia. Vale.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    11 Luglio 2019 - 13:01

    Romantico il Cerasa .Dalle molte storie di Italia ,nostrane e stranger ,è di tutta evidenza che il liberalismo post Cavour è stato ed è solo di facciata ,una chiacchiera infinita . Dopo l'Unità pochi governi furono sufficientemente liberali con la serie di capi di governo che si sono succeduti. Per età ricordo che dopo il 1945 ,l'Italia fresca di liberazione ( altro che la resistenza senza i panzer del generale Patton) si diede una costituzione che orecchiava principi liberali derivandoli dal corredo storico politico del Liberatori ( sempre Patton) e effettivamente negli anni '50 dopo la sonora e solenne sconfitta del comunismo ( 1948) l'Italia godè di una atmosfera ( solo atmosfera purtroppo) liberale poi il peso del Pci stalianiano soffoco la spinta liberale e solo dopo il 1989 caduto il mito comunista si riaffacciò un qualche sintomo di liberalismo ma sempre osteggiato da tutti e difeso solo dalla mitica Diccì. Oggi in Italia c'è un sistema democratico abbastanza consolidato ma

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    11 Luglio 2019 - 11:11

    Caro Cerasa, la destra presentabile e quella illiberale, in Italia, governano insieme in realtà molto importanti. Questo fatto le rende difficilmente separabili e, spesso, indistinguibili. Come puo’ Il cav consentire ai propri giornali ed alle proprie televisioni di fare da cassa di risonanza alle “eroiche imprese” del truce, invitarlo ogni giorno ad abbandonare i 5 stelle per ritornare al governo con lui e, allo stesso tempo, pretendere per Forza Italia una connotazione di centro- destra moderato, magari europeista? I sondaggi di Toti sono, a mio parere, credibili. Della destra presentabile in Italia rimarrà un piccolo zoccolo duro. Quanto alla destra liberale, quella nel nostro paese non ha mai attecchito.

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    11 Luglio 2019 - 07:07

    Ma la domanda per i poveri di spirito è: quali benefici si traggono nel sostenere il trucismo? Non sarà solo per l'immigrazione? All'attualità perché la gran parte degli italiani ,che vanno in vacanza e viaggiano, vedono difendere i loro interessi economici da una politica del governo che oltre ai condoni che finanziano il reddito di cittadinanza ,non ha dato via ad una ripresa del lavoro? O invece ,come ogni tanto si sente dire dai media che il nostro paese rimane pur sempre la settima potenza del mondo e la seconda manifattura dell'Europa. Non sono queste caratteristiche a garantire il nostro reddito da lavoro dipendente pubblico e privato, le nostre pensioni,i nostri ospedali etc. etc.!

    Report

    Rispondi

Servizi