cerca

Storia occulta della Lega che al federalismo ha sostituito l’antimondialismo di Putin

Il lungo viaggio a est, e a destra, del Carroccio è iniziato già da diverso tempo. Il nazi-esoterismo di Savoini e amici

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

11 Luglio 2019 alle 21:06

Storia occulta della Lega che al federalismo ha sostituito l’antimondialismo di Putin

Umberto Bossi (foto LaPresse)

Milano. “Insubria è l’antico nome della nostra Terra. Delimitata a Est dall’Adda, a Ovest dalla Sesia e dal Ticino, a Sud dal Po e a Nord dalle Alpi”, si legge sul sito dell’associazione culturale Ra Ca’ dur Barlich, confortevole antro del diavolo (Barlich) del pensiero esoterico-leghista d’estrema destra, dove Tolkien e Limonov si danno la mano e trincano insieme idromele e che si trova lì, appunto, nel cuore del Varesotto. Terra reale, l’Insubria, ma che mai è stata nazione e...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Maurizio Crippa

Maurizio Crippa

Maurizio Crippa, vicedirettore, è nato a Milano un 27 febbraio di rondini e primavera. Era il 1961. E’ cresciuto a Monza, la sua Heimat, ma da più di vent’anni è un orgoglioso milanese metropolitano. Ha fatto il liceo classico e si è laureato in Storia del cinema, il suo primo amore. Poi ci sono gli amori di una vita: l’Inter, la montagna, Jannacci e Neil Young. Lavora nella redazione di Milano e si occupa un po’ di tutto: di politica, quando può di cultura, quando vuole di chiesa. E’ felice di avere due grandi Papi, Francesco e Benedetto. Non ha scritto libri (“perché scrivere brutti libri nuovi quando ci sono ancora tanti libri vecchi belli da leggere?”, gli ha insegnato Sandro Fusina). Insegue da tempo il sogno di saper usare i social media, ma poi grazie a Dio si ravvede.

E’ responsabile della pagina settimanale del Foglio GranMilano, scrive ogni giorno Contro Mastro Ciliegia sulla prima pagina. Ha una moglie, Emilia, e due figli, Giovanni e Francesco, che non sono più bambini

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • joepelikan

    12 Luglio 2019 - 09:09

    Fare un mea culpa no? Il conservatorismo vigliacco che accetta tutto, la tracotanza sodomitica assunta, nella sua letterale traduzione inglese, a culto civico, l'infanticidio quale supremo diritto, i medici di Stato trasformati in carnefici di Stato, l'aggressione omogeneizzatrice ed alienante all'Oikos dei popoli. Tutto questo, il conservatorismo vile ha lasciato passare senza combattere perché gli sponsor di questo male lo hanno ben pasciuto di denaro. E allora? Guardare la trave nel proprio occhio è un precetto evangelico ancora valido.

    Report

    Rispondi

Servizi