La sinistra deve tifare per la destra che non c'è più

Giuliano Ferrara

I conservatori seri per le sinistre sono indispensabili, sono il controllo delle loro peggiori pulsioni

Tutti piangono le sorti della sinistra mondiale, e il caro Ezio Mauro, dopo aver lanciato Saviano, ora vuol provarci con Cacciari, che certo è un fenomenale progresso, ma non basta, invece il problema è la scomparsa strategica dei conservatori. Vi ricordate la famosa questione della destra europea, dignitosa, valoriale, antifascista, liberale e sociale quanto basti eccetera? Sempre Repubblica aveva pensato che potesse essere venuta l’ora di Fini, poi quella di Alfano, che fa anche rima con Saviano. Bè, non è andata, diciamo, ma Berlusconi anche lui non si sente politicamente tanto bene, nonostante Toti. Ma fosse quello solo il problema.

  

I popolari in Spagna sono incalzati da Vox e dai Ciudadanos, strani ircocervi. In Francia i gaullisti si sono affidati a un giovane professore di Filosofia simpaticissimo, una testa da prima comunione, François-Xavier Bellamy, idee pacate e sensate, che stile!, ma sono all’8 per cento, e hanno perso la leadership, cioè il capo, in mezzo a esodi affollatissimi. In Gran Bretagna hanno preso tante botte che Boris, sveglio, divertente e inattendibile, promette una Brexit col brivido, senza manco pagare la quota associativa dovuta in reversibilità, insomma una destra conservatrice un po’ così. In Germania siamo nelle mani dei Grünen e della brava ma non sperimentata Kramp-Karrenbauer, il popolarismo socialmente di mercato (orientato) se la passa maluccio. In cima a tutto, a parte la devastazione delle destre centro ed est europee, quasi sempre in mano ai nazipop, sta il destino dei repubblicani americani: furono il partito dell’emancipazione dei neri, dell’unità federale, della migliore intelligenza moderna in arte dello stato, Roosevelt e Johnson a parte, infine il perno della rivoluzione liberale e liberista, con il peperoncino del libertarismo, tanto per non farsi mancare niente. Bè, che volete, sono stati asfaltati umiliati messi in castigo e corrotti da The Donald, una figuretta televisiva e palazzinara assurta ai fasti del massimo potere mondiale, capace, a furia di tuìt e altri cinguettii, di rendersi insieme distruttivo e molto efficace, dipende dai momenti, in ogni caso una pietra tombale su un’idea maggioritaria e confortevole e mainstream di destra americana significativa, imperiale, insomma un buzzurro isolazionista e spaccone.

  

Semplifico un poco, d’altra parte è un articolo di giornale, quindi una cosa seria a patto di non complicare oltre misura le cose. La sinistra che c’è in tutto il mondo dovrebbe mettersi in testa che deve tifare per la destra che non c’è più, con la quale intrattiene un rapporto simbiotico. In un bel saggio su Thomas Mann per l’Indiscreto, Edoardo Rialti ricorda che quando lo scrittore del secolo scorso smise di essere un reazionario e decise di aderire alla Repubblica di Weimar contro l’insorgenza nazipop, affermò che “solo il progressismo e l’estensione dei diritti e delle corresponsabilità sociali possono favorire un sano conservatorismo, la capacità cioè di difendere il meglio delle proprie tradizioni storiche e culturali”. Certe cose le sappiamo. I gaullisti sono stati una bonanza per Mitterrand. I tories hanno regalato agli inglesi il loro miglior Labour. Le democrazie cristiane, quelle senza il portachiavi cristico del Truce, ci hanno dato Togliatti, Craxi, Brandt e sopra tutto il grande Helmut Schmidt, venuto da Amburgo, con la sigaretta sempre in bocca, a miracol mostrare. I popolari postfranchisti ci diedero González, non so se mi spiego, e speriamo ora in Sánchez, eccezione alla regola, che però è sempre in minoranza, anche quando vince. I Bushes ci hanno regalato Clinton e Summers, e ci hanno risparmiato quella Greta globale di Al Gore. In Europa, ahinoi, resiste il solo Kurz, Macron a parte che non è di destra e nemmeno di sinistra (è semplicemente colto lavoratore e intelligente), ma assediato dalle puttane similputin e dai truci di vario conio österreicher.

  

Quanto alla chiesa, si sente la mancanza di una destra polacco-bavarese, con il conforto teologico della ragione e dell’anticomunismo non peronista: Sofri è convinto che sia in atto una congiura per destituire il Papa regnante a sinistra, Dio ne guardi, però i cattolici da sempre, quando non sono d’accordo, pregano per la vita eterna e imminente del Pontefice in carica, non è una novità, ora si aggiungono le interviste assassine di Viganò al Washington Post, ah, smentirle! I conservatori seri per le sinistre sono indispensabili, sono il controllo delle loro peggiori pulsioni, l’alternativa alle loro mattane, e per la società sono sempre stati un elemento di coesione e di rispetto costituzionale per le regole di una buona politica, ah che rimpianto.

Di più su questi argomenti:
  • Giuliano Ferrara Fondatore
  • "Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.