cerca

L’arma del popolo contro i populisti

Fatti, piazze e realtà. C’è un’opposizione senza partito che chiede di liberare l’Italia dalle follie populiste. Ragioni per una nuova allegra e urgente stagione referendaria, a cominciare dai banchetti contro il reddito di cittadinanza

12 Gennaio 2019 alle 06:16

L’arma del popolo contro i populisti

La manifestazione di Milano. Foto LaPresse

La forza della realtà produce effetti che non sempre riescono a essere misurati con gli strumenti della sondaggistica e quegli effetti rispetto alla traiettoria del governo oggi hanno due sfumature diverse e altrettanto importanti. I primi effetti prodotti dalla realtà sono quelli relativi ai numeri dell’economia e alla luce del calo sostanziale e preoccupante della produzione industriale registrato ieri dall’Istat relativamente al mese di novembre dello scorso anno – meno 1,6 rispetto a ottobre e meno 2,6 rispetto all’anno prima...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzolodigiani

    12 Gennaio 2019 - 21:09

    Caro Cerasa, e’ un disastro, siamo minoranza. Facciamo tutto quel che pensiamo possa servire per capovolgere la situazione. Non so di quanto tempo avranno bisogno gli italiani per comprendere che sono governati dal peggio. Io non lo so quantificare.

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    12 Gennaio 2019 - 17:05

    Anche se non sono certo un fan del reddito di cittadinanza, direi che sarebbe meglio aspettare il testo della legge e la sua applicazione, prima di partire lancia in resta. Quanto ai SI-TAV, movimento benemerito, si è constatata la presenza dei leghisti, fra cui il capogruppo alla Camera, anche se mancava il Cap. Un ottimo segnale, no?

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    12 Gennaio 2019 - 16:04

    A l direttore - La strana logica degli elettori italiani: se ci ritroviamo alcolizzati, cirrosi epatica, varici esofagee in atto, la colpa non è nostra che per anni e anni abbiamo liberamente pagato e bevuto alcolici, ma di quei commercianti che ce li hanno venduti. Crediamo che cambiando commercianti e marca di alcolici, sia possibile disintossicarci. Continuando, ovvio, a bere alcolici. Siamo ganzi! Ricorrere, invocare l’aiuto del Papa straniero è la costante della nostra storia. Iniziò col tardo Impero e non è più scomparsa. Deriva dall’imperativo psicologico dell’indole italico: Nemo propheta in patria. Quelli, facendo pure buon vido a cattiva sorte, che potrebbero porsi a capo della stagione degli allegri referendum, sono i primi cultori del “Nemo … “ Nazareno et alia, docent.

    Report

    Rispondi

Servizi