Minniti si ritira dalla corsa alla segreteria del Pd

David Allegranti

La decisione dopo un incontro con Lotti e Guerini. L'ex ministro dell'Interno dovrebbe ufficializzare la propria scelta domani

Roma. Marco Minniti si ritira dalla corsa per la segreteria del Pd. La decisione era nell’aria da tempo (il Foglio se n’era occupato già martedì). La conferma è arrivata dopo l’incontro, avvenuto nel pomeriggio, con Luca Lotti e Lorenzo Guerini. I due parlamentari hanno ribadito il sostegno dei renziani alla candidatura di Minniti alle primarie, ma non è servito a placare il malessere dell’ex ministro dell’Interno, secondo il quale Matteo Renzi è stato troppo freddo nei suoi confronti nelle ultime settimane. L’incontro, riferiscono fonti del Foglio, è partito malissimo: Minniti ha chiesto come precondizione che ogni parlamentare firmasse l’impegno solenne a non uscire ora e neanche in futuro dal Pd. Era evidentemente un pretesto, ma Lotti e Guerini gli hanno spiegato che era offensiva anche solo la richiesta.

 

A Minniti, comunque, non sono piaciuti i retroscena e le notizie uscite sul nuovo partito dell’ex segretario del Pd, al quale stanno lavorando alcuni renziani. Il partito di Renzi potrebbe essere già testato alle prossime elezioni europee e in questi giorni l’ex sindaco di Firenze è proprio a Bruxelles per un giro di incontri. Accompagnato dall’ex sottosegretario agli Affari europei Sandro Gozi, Renzi ha parlato di future alleanze con il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker (Ppe), con la commissaria alla concorrenza, la liberale olandese Margrethe Vestager, con il primo vice presidente, il socialista olandese Franz Timmermans, (S&D) e con il commissario agli Affari economici, il socialista francese Pierre Moscovici.

 

Forse qualcuno è partito troppo presto, però. Come ha notato la pagina dei Socialisti Gaudenti in un post, “nella Pd-sfera del web, oggi, è accaduto un fatto strano, è comparsa una pagina chiamata #Libdem con tanto di logo che sembrava una bozza, mentre in queste ore i colonnelli renziani sono riuniti per decidere cosa fare col congresso e la possibilità di ritiro di Minniti. Mentre da settimane la pagina Open Democrats continua a postare con l'hashtag #libdem e il logo. Pochi minuti fa la pagina Libdem è stata chiusa. Non è Rio de Janeiro ma nel Pd c'è un clima fantastico”.

 

Non tutti i renziani però sono convinti del nuovo partito renziano. “Abbiamo bisogno dell'impegno di Matteo Renzi per rilanciare il Pd e sono fiducioso che sarà così”, dice il sindaco di Pesaro Matteo Ricci. “550 sindaci hanno firmato per Minniti perché serve una casa dei riformisti più aperta, grande e competitiva. Non servono nuovi partiti o divisioni”. Anche Stefano Esposito, ex senatore del Pd, è contrario. “Renzi è stato il segretario del 40 per cento. Questi non sono tempi per ambiguità, serve che vengano smentite voci sul nuovo soggetto politico. Caro Matteo, questo lo devi ai tanti militanti che ti hanno sostenuto e difeso in questi anni. Non serve il tuo disimpegno, serve esattamente il contrario”. Troppo tardi, a quanto pare. Ma quella di Renzi non sarà l’unica nuova formazione a nascere nel centrosinistra. Anche Carlo Calenda farà un suo partito, che si chiamerà Fronte Repubblicano o Fronte Democratico. L’ex ministro dello Sviluppo Economico in questi giorni era stato sollecitato proprio dai sindaci del Pd che settimane fa avevano firmato l’appello a sostegno di Minniti a candidarsi, ma Calenda ha rifiutato. Insomma non tira una bella aria nel Partito democratico. Ormai è il tempo del Big Bang. Ma non è più quello della Leopolda.

Di più su questi argomenti:
  • David Allegranti
  • David Allegranti, fiorentino, 1984. Al Foglio si occupa di politica. In redazione dal 2016. È diventato giornalista professionista al Corriere Fiorentino. Ha scritto per Vanity Fair e per Panorama. Ha lavorato in tv, a Gazebo (RaiTre) e La Gabbia (La7). Ha scritto cinque libri: Matteo Renzi, il rottamatore del Pd (2011, Vallecchi), The Boy (2014, Marsilio), Siena Brucia (2015, Laterza), Matteo Le Pen (2016, Fandango), Come si diventa leghisti (2019, Utet). Interista. Premio Ghinetti giovani 2012. Nel 2020 ha vinto il premio Biagio Agnes categoria Under 40. Su Twitter è @davidallegranti.