È l’Europa il nostro Cristiano Ronaldo

È il vaccino contro l’isteria populista, ma è anche l’alibi per far saltare tutto. Cosa farà l’Italia col principio di realtà

11 Luglio 2018 alle 06:00

È l’Europa il nostro Cristiano Ronaldo

Foto LaPresse

La politica dell’incompetenza, dell’irresponsabilità, dell’approssimazione quando non trova di fronte a sé un’opposizione capace di esprimere in modo chiaro una proposta alternativa di solito ha un unico argine capace di raffreddare in modo graduale le sue pazzie. L’argine è gelido, impersonale, anonimo e grosso modo coincide con il filo spinato che prima o poi ogni populista sprovveduto arrivato a guidare un paese deve decidere se scavalcare oppure no: il principio di realtà.   Nei paesi fortunati, il principio di realtà...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    11 Luglio 2018 - 17:05

    Premesso che odio Cristiano Ronaldo. Il Foglio fa male a mettere sullo stesso piano Lega e M5S. Io ho paura di quello che possono fare i grillini in tema di economia e ancor più in tema di giustizia (lo stop alla prescrizione sarebbe un fine pena mai). Ma la Lega mi sembra ancorata al "principio di realtà" molto più dei governi precedenti i quali, ad esempio, non hanno voluto vedere che i flussi migratori vanno governati e Salvini l'ha fatto. Del "contributo di solidarietà" da parte dei "retributivi" la prima a parlarne è stata proprio la Fornero e Brambilla l'ha ripreso. Della semplificazione fiscale bisogna dire (sempre in omaggio alla realtà) che i condoni sono l'unica forma di lotta all'evasione, non solo per il gettito immediato che danno, ma anche perchè comunque fanno emergere una base imponibile per gli anni a venire. E così via. Anche Berlusconi era "impresentabile", ma vedeva la realtà (e per questo non capiva la politica italiana).

    Report

    Rispondi

  • mauro

    11 Luglio 2018 - 13:01

    In effetti, come si fa a non amare un'Europa che fornisce un Ronaldo alla Juventus ? Si è disposti in cambio a sopportare qualunque angheria.

    Report

    Rispondi

    • lupimor@gmail.com

      lupimor

      11 Luglio 2018 - 17:05

      Pensa il buffo: Cerasa è un interista sfegatato. Ma la confusione politica di cui è preda non sente ragione. Il Ferrara di oggi insiste su come secondo lui, "dovrebbe essere". Ho commentato. Quando apparirà dacci un'occhiata.

      Report

      Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    11 Luglio 2018 - 12:12

    Se l'Europa è CR7, avendo costui 33 anni ed essendo quindi non lontano dal fine carriera si può pensare che per analogia anche l'Europa, almeno quella che conosciamo, sia quasi a fine carriera. Che balla notizia sarebbe!

    Report

    Rispondi

  • DBartalesi

    11 Luglio 2018 - 12:12

    Mentre "Bibbì e Bibò"si trastullano ancora con la propaganda, il ministro Savona attento al principio di realtà, annuncia prudentemente un "piano B" nel caso l'euro ci abbandoni. E fa bene dato che, appena dopo le ferie, la minaccia che noi si venga "cacciati" in quanto inaffidabili, potrebbe venire proprio dal concretizzarsi di alcune delle promesse elettorali: flat tax, reddito di cittadinanza, taglio della Fornero. Bene dunque un "piano B" per l'economia, e per la politica se salta il governo invece niente? Dal PD al momento solo selfie, liti, veti, un congresso rinviato. Chi potrebbe essere il nostro Ronaldo - "piano B" che ci può far vincere in Europa?

    Report

    Rispondi

Servizi