cerca

Com'è bella l'Italia giallo-verde vista da Diego Fusaro

L'enfant terrible della filosofia e del pensiero antimondialista esalta i modelli che, secondo lui, Salvini e Di Maio dovrebbero seguire nel prossimo governo. Maduro, Kim Jong-un e Putin. "Perché io sto coi plebei", spiega al Foglio

31 Maggio 2018 alle 14:21

Com'è bella l'Italia giallo-verde vista da Diego Fusaro

Diego Fusaro (foto LaPresse)

Lo spread che decolla? Savona che fa uscire l'Italia dall'euro? Una rivolta popolare contro Mattarella? L’Italia giallo-verde in odore di Venezuela? Magari! È questa l’analisi che fa al Foglio Diego Fusaro, enfant terrible della filosofia e del pensiero antimondialista nostrano, che qualcuno già indica come ideologo di riferimento della Terza Repubblica in fieri. Da poco è uscito per Bompiani il suo ultimo libro, “Storia e coscienza del precariato. Servi e signori della globalizzazione”. (656 pp., 14,45 euro). Lo scorso fine settimana è stato a Budapest, per partecipare a un convegno proprio mentre il governo magiaro stava per varare la discussa legge anti-immigrazione ribattezzata “Stop Soros”. “Anche l’Ungheria di Orbán secondo me rappresenta un governo non allineato e di impaccio rispetto ai cosmopoliti dell’unico mercato deregolamentato americanocentrico”, ci spiega. E per lui in questo fronte sta in prima fila l'asse Lega-Cinque stelle. “Come ha detto Scalfari sono i plebei al governo. E io sto con i plebei, non con i patrizi del capitalismo turbocapitalistico. Quindi ben venga un governo dal basso che rappresenti i ceti medi e proletari in fase di dissoluzione, non i ceti globalisti. Quindi vedo con favore il governo giallo-verde, assolutamente”.

 

Vediamo però questa etichetta di populismo, più o meno contestata, contestabile, accettata, accettabile, addirittura rivendicabile. Ma secondo molti politologi in realtà ci sono almeno due varianti del populismo: una “inclusiva”, come quella dei Cinque stelle, e una “esclusiva”, come quella della Lega. Potranno questi due diversi tipi di populismo andare d’accordo nel lungo periodo? “Direi che la tassonomia è questa. Da un lato c’è il populismo del guardare le cose dal punto di vista del popolo. Dall’altra ci sono i partiti che io chiamo demofobici, che odiano il popolo, e che sono essenzialmente le sinistre radical chic e arcobaleno cui Scalfari spesso si ascrive. Poi tra i populismi ci sono delle differenze, sicuramente. Quello della Lega è un populismo più radicale rispetto a quello dei Cinque stelle. Per me la differenza forse è più di intensità che di esclusione o di inclusione. Quello della Lega è più intenso, quello dei Cinque stelle lo è meno. Ma al di là delle differenze, il fatto che stiamo navigando nella giusta direzione è dato dal fatto che i mercati si innervosiscono, lo spread sale, e tutti i signori del mondialismo stanno letteralmente adirandosi. E quindi questo è un segnale più che positivo dal mio punto di vista”.

 

Se i mercati che impazziscono, e per Fusaro questo è un segnale positivo, si può capire perché il 160.000 per cento di inflazione all’anno raggiunto dal governo di Maduro in Venezuela rappresenti una sorta di paradiso in terra. “Certo. Io sostengo la resistenza eroica del Venezuela perché è un socialismo patriottico: come quello cubano e come quello russo. Sto con la Russia di Putin, sto col Venezuela di Maduro, sto con tutti gli stati non allineati. Spero che Maduro resista, si opponga all’alternativa che sarebbe l’americanizzazione del Venezuela, evidentemente. Ma anche Orbán fa l’interesse della sua nazione, come Evo Morales. Oggi l’alternativa all’interno dei paesi è tra il populismo e i demofobici patrizi del mondialismo; su scala cosmopolitica, l'alternativa è tra il cosmopolitismo americanocentrico e gli stati patriottici che resistono e che sono molto diversi tra loro”.

 

Ci mettiamo anche la Turchia di Erdogan tra questi stati resistenti? “No, non ce la metterei. La Turchia è nella Nato, e abbastanza americanizzata. Ci metterei invece la Corea del nord, sicuramente. L’Iran, Cuba, la Bolivia, tutti gli stati non allineati. Quelli che vengono chiamati stati canaglia da quelli che in realtà sono i veri stati canaglia. Cioè gli Stati Uniti e Israele. Quelli sono i veri stati canaglia, dal mio punto di vista”.

 

E l’ammirazione per Putin unisce in effetti Cinque stelle e Lega. Però sono i grillini che hanno avuto in passato simpatie per il Venezuela di Maduro, anche se di recente ci hanno un po’ ripensato. Al contrario, la Lega è fortemente collegata a certi ambienti italo-venezuelani molto ostili al regime di Maduro. “Ma in realtà io non sono né della Lega né dei Cinque stelle. Ad esempio io sto con Madrid e non con i catalani, a differenza della Lega. E sto con Maduro. Però ritengo che in questo momento storico peggio della Lega e dei Cinque stelle ci siano solo tutti gli altri. Io sto con la Russia di Putin come prima stavo con la Russia di Lenin e di Stalin. Non è che sono un putinista dell’ultima ora. Sto con la Russia sempre, tranne che con Gorbaciov e con Eltsin. Ma Putin resta la continuazione di Lenin nel mutato contesto storico”.

  

E nel caso in cui un governo giallo-verde riesca a formarsi, superando l'attuale impasse, o magari vincendo le prossime elezioni, come sarà la politica estera italiana secondo Fusaro? “Sarà collegata ovviamente a quella interna e vorrà dunque tutelare l’interesse nazionale. Dunque meno Unione europea, meno America, meno libero mercato. Spero che abbiano le forze per uscire dall’Unione europea, dalla Nato e da ogni vincolo con gli Stati Uniti d’America. E guardino invece alla Russia e all’eurasiatismo”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • frecciab

    frecciab

    10 Luglio 2018 - 13:01

    Sono d'accordo con Diego Fusaro e sovranista. Credo che il problema non risolto sia quello della assoluta opposizione ebraica ad uno stato sovranista. In diritto pubblico si distingue nettamente fra cittadinanza e nazionalità. La religione ebraica è anche una nazione e quindi non ha bisogno di una seconda nazionalità nello stato in cui ha la cittadinanza. Spesso gli ebrei per sposarsi senza correre il rischio di consanguineità si spostano da una cittadinanza all'altra per sposare correligionari e rimangono comunque di nazionalità ebraica come rilevava Indro Montanelli in una intervista ad Alain Elkan. Preferiscono stati multiculturali e multireligiosi in cui la diversità culturale e religiosa sia la regola. Inoltre questi stati meramente burocratici si prestano meglio alla penetrazione capitalista e finanziaria, e sono caratterizzati dal massimo dei diritti civili e dal minimo di sicurezza sociale.

    Report

    Rispondi

  • clauster

    clauster

    08 Luglio 2018 - 11:11

    Ma ti si può stare a sentire, Diego? Giochi a dama nel tuo mondo incasellato per il compiacerti di chi ti dice bravo come sei arguto e analitico. E tu li stai a sentire, compiacendoti di così poco? Ma spiegaci bene: come la pensi davvero sulla vita, sulle cose, sulle persone, quelli che chiami plebei? E lo siamo plebei, tutti lo siamo, ma che ci dice la parola delle persone? Singolarmente o in gruppo ci dici troppo e niente tutto qua.

    Report

    Rispondi

  • ar1953

    01 Giugno 2018 - 13:01

    Studiare troppo, a volte, può far male. Qui siamo a livelli altissimi, irraggiungibili forse dallo stesso Di Maio.

    Report

    Rispondi

  • poceantonio

    poceantonio

    01 Giugno 2018 - 09:09

    Tutto lo sforzo del filosofo consiste nell'inzeppare la realtà nelle sue caselle mentali ideologiche. Ni si è ancora reso conto, il filosofo, che gli strumenti che egli si ostina ancora ad usare hanno prodotto, nel secolo scorso, due abissi apparentemente contrapposti ma sostanzialmente identici: il nazifascismo e il comunismo. Di "terribile", Fusaro ha soltanto una sconvolgente povertà di immaginazione. La filosofia non è cosa per ragionieri che applicano schemi di pensiero ritenuti erroneamente assoluti o, peggio, ideologie abbondantemente decotte. Alla larga da questi maestri del nulla. Interrogate gli artisti. Date la parola a chi frequenta la Bellezza. Chiedete alle persone che amano, non agli odiatori di professione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi