cerca

Questo governo è una bufala

La questione del contratto M5s-Lega non è nella sua orgiastica capacità di stupire il mondo

18 Maggio 2018 alle 06:14

Questo governo è una bufala

Luigi Di Maio (foto LaPresse)

Che quello incombente sia un governo osceno, extra e anticostituzionale nelle premesse, carico inoltre di ideuzze penose suscettibili di farci arrivare addosso una valanga economico-finanziaria punitiva, all’insegna di “dàgli al giullare italiano”, non si discute. Ma prima di organizzare adunate oceaniche con le bottiglie Molotov, prima di alimentare un’opposizione di spietata violenza – e chi debba e possa farlo è piuttosto incerto, e che non si debba farlo all’insegna del frusto ce-lo-chiede-l’Europa è sicuro – bisogna mettersi in fila a Palazzo Rospigliosi, a due passi dal Quirinale, tirare fuori dalla sua stanza il giudice costituzionale Giuliano Amato, e chiedergli umilmente scusa. Con lui al timone, stramaledetto il giorno in cui non levammo corale la nostra voce per la sua elezione al posto del trito e nichilista notaio che si sa, tutto questo non sarebbe accaduto.

 

Infatti, per ripartire da zero, che è un bel modo di essere chiari, il famoso governo voluto da undici milioni di elettori grillozzi (li mortacci loro) e da sei milioni di elettori leghisti (li mortacci loro) è una boiata pazzesca. Questo non è il governo eletto dagli italiani, che hanno votato liste separate in conflitto tra di loro, che hanno votato al sud per i quattrini a sbafo dello stato e al nord contro i negher, è un pazzotico e normalissimo esecutivo partitocratico, che nasce senza un presidente del Consiglio incaricato per neghittosità che si conoscono, in seguito a manovre e trattative di palazzo per spartirsi il companatico del potere e la gloria di una grande rottura. Dal panettiere stamane, porgendomi tre etti di piazza bianca, il commesso romanesco mi ha guardato sicuro e mi ha detto: “Non dura”, senza aggiungere altro fra il giudizio politico e lo scontrino. Ma anche se durasse, perché ce-lo-chiede-la panza-degli-italiani, non la mia che è più vasta della media, altro che l’Europa, resterebbe quel che è: una ben nutrita maggioranza parlamentare (tranne che, come sempre, al Senato benemerito) maturata nel segreto di trattative di potere alla congolese, altro che tedesca, in barba alle promesse di streaming.

 

Comunque, in un certo senso, va bene così. Per le Molotov è passato il tempo, il giornale dei cazzari antimafiosi esamina nel ridicolo “i pro e i contro” di un ministero che è loro parente stretto, salva la clausola di continuare a scherzare con grevità e a diffamare l’ignaro e lontano Berlusconi; Pierluigi Dibattista scorge qua e là delle incongruenze; Paolo Mieli osserva serafico e sulfureo che la rupture ha contro tutta la stampa, oops, e speriamo soltanto che alla fine si realizzi il noto dictum secondo cui “in Italia la rivoluzione non si può fare perché ci conosciamo tutti”. Mieli e Pigi Dibattista li conosco, sono anche miei amici, quindi c’è speranza. Chi abbia letto “la linea Sottile” di ieri, qui, capisce cosa voglio dire. Questo è il paese dove l’araldo antimafia della Confindustria siciliana ora sconta le sue pratiche paramafiose ai domiciliari, ove la magistrata che doveva assicurare il succo sociale dei beni confiscati ha confiscato i beni per un gruppo di affaristi, e non ha fatto un giorno di vera pena, dove il pm che ha incastrato il generale che arrestò Riina è accusato di piccolo peculato a buon pro suo e della famiglia; è il paese dei professionisti (ah, Sciascia) della disinformazione, della controverità, della commedia delle imposture. 

 

Nasce il governo infine della Casaleggio Associati, e della Lega Lepenista & Combriccola, tra gli alti lai di un fascioidiota che chiama alle armi in difesa della Patria i patrioti, e la sua nascita va celebrata con una sola formula: ce lo meritiamo, il governo del raglio, il Delirakis di cui parla il direttore, e dobbiamo sperare che le conseguenze siano sopportate con pazienza dai suoi elettori.

 

Io, per esempio, sopporterò con pazienza l’estensione dei termini della legittima difesa, perché sono tra coloro che vedendo “Thelma e Louise”, quando lei fa secco il suo stupratore in un parcheggio, hanno applaudito spontaneamente, che sarebbe il pubblico dei radical chic (ciao, Tom Wolfe). La flat tax in sé mi fa un baffo, sono della scuola di Chicago, sebbene non abbia studiato economia. Penso che il reddito di cittadinanza sia una boutade, ma aspetto di leggere il libro di Stefano Feltri a esso dedicato, se non altro per cortesia. Invece quando penso alla parte forcaiola del contratto-capestro o alle deliranti idee di rimpatrio blindato di cinquecentomila negri, o allo (s)fascismo anticostituzionale della briglia ai parlamentari, e altre chicche, allora rimetto mano al progettino delle Molotov. Ma, insomma, la questione di questo governo non è nella sua inflattiva o orgiastica capacità di stupire il mondo con misure minacciate fuori da ogni assennatezza, compresa la richiesta di 250 miliardi alla taccagna eppure generosa Bce di Mario Draghi: il governo è osceno a prescindere, manca di legittimità, di rispetto sostanziale delle procedure, è incardinato sull’equivoco, offre il peggio di quel che il paese è a mezzogiorno e nel settentrione, è una bufala. Ecco passate in rassegna, con la massima calma e un tentativo di ironia, le “incongruenze” del bacio tra il posteggiatore abusivo (copyright di Feltri) e lo steward dello stadio San Paolo. Subito dopo le elezioni, siccome siamo un giornale della verisimiglianza, per la verità ci sarà tempo, l’umanità non è mai pronta, per primi e con più forza sostenemmo che sarebbe finita così, che Salvini sarebbe andato all’Interno in un governo con Di Maio o un altro più o meno neutrale nella funzione inessenziale di presidente del Consiglio. Nel nostro acuto realismo, sapevamo che andava finire così, ma non così, non in questo osceno modo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    09 Giugno 2018 - 17:05

    Lo disse Pannella scrutando i dati del suo osservatorio delle esposizioni mediatiche di questo quel personaggio 'sono i media cornuti e venduti che alzano il valore di listino di personaggi inverecondi.'

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    21 Maggio 2018 - 09:09

    Credo d’avertelo scritto a suo tempo, caro Giuliano, che portare al Quirinale Giuliano Amato avrebbe non solo salvato il patto del Nazareno, ma avrebbe pure risparmiato molti guai politici a noi tutti e a Renzi per primo. Era ovviamente una valutazione in attesa di controprove che in politica sono da sempre incerte assai, per così dire. Ovviamente non provo alcuna gioia ad aver visto, apparentemente, giusto. Solo una non leggera incazzatura per quel che ne e’ seguito. E il continuo non darmi pace e non trovare spiegazioni politiche sul perché Renzi quella scelta sbagliata abbia compiuto. Mi illudo sia stata colpa di un cerchio magico fiorentino rivelatosi purtroppo composto da personaggi non all’altezza e dunque pericolosamente sopravvalutati. Ma tu certamente ne sai molto di più, e magari un giorno ce lo dirai. Ma che gli costava al Royal Baby fare un pezzetto di strada accanto ad un leader che di anni ne aveva il doppio di lui? Un pezzetto del Pd l’avrebbe perduto comunque.

    Report

    Rispondi

    • valentina falcioni sow

      valentina falcioni sow

      22 Maggio 2018 - 11:11

      la pressione su amato la fece dalema, e la pressione su mattarella la fece bersani...non era facile accettare la pressione di dalema e non ascoltare bersani, ma ascoltare bersani ha portato allo strappo con berlusconi, il quale, pure lui, non ha capito nulla di cosa stava sucecdendo e non ha intuito le conseguenze. questo, poi, per dire anche "chi dice di essere divisivo a chi" quanto davvero pensasse all'unità... una storia davvero molto triste e dove i capricci di quattro galli cedroni hanno travolto ilpaese in una spirale che ci vorrannoanni a decomporre per riportarci ad una aria con una temperatura respirabile

      Report

      Rispondi

  • carlo.trinchi

    18 Maggio 2018 - 16:04

    Che fermati e fermati, questi vanno lasciati governare per fargli fare la fine di Varoufakis, solo che noi di Varoufakis ce ne abbiamo due. Se li si ferma apriti cielo. Due martiri in una botta sola. Avete visto la scatoletta di tonno di Grillo con la pizza secca? Ecco, non vale un cazzo. Parole sue. Questi non aspettano altro che di essere fermati. Meglio i popcorn e la terza fila perché nella prima ti becchi gli schizzi degli sputi che a breve si darano.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    18 Maggio 2018 - 15:03

    La bufala nativa è quella di pensare e far credere che il popolo, il basso, possano essere i dei ex machina del governo. Il popolo legislatore, è il massimo delle bufale, anzi delle truffe culturali. Ma gli elettori hanno scelto ... già, sono caduti nella trappola in cui cadono gli sprovveduti quando si fa lor credere di essere i protagonisti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi