Vent’anni di “Grande Fratello”. Grillo e il grillismo erano già nel reality con Taricone

Cartina di tornasole del cattivo gusto, così,la tv ha dato un contributo formidabile alla crisi dell'“expertise”, alla autenticità della “ggente”. Perché linguaggio, estetica e ideologia dei reality sono stati assorbiti dal M5s

14 Maggio 2018 alle 14:19

Vent’anni di “Grande Fratello”. Grillo e il grillismo erano già nel reality con Taricone

I concorrenti della prima edizione del Grande Fratello

Le promesse sono state mantenute. Rimesso nelle mani di Barbara D’Urso il “Grande Fratello” ci ha già regalato una rissa sfrenata per un tiramisù, l’abiura del 25 aprile del concorrente di CasaPound, un fiume di insulti sessisti, inviti al femminicidio e scorregge contro Aida Nizar, star della tv spagnola in cerca di un appoggio esterno in Italia; e poi ancora una querela di Asia Argento, una denuncia del Moige, un’altra del “Telefono Rosa”, l’invocazione dell’AgCom, un comunicato indignato del “Grande...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi