Il sonno disturbato di Lupo

Senza pace con se stesso, andava al balcone per respirare la notte, prima che Luna lo raggiungesse. E sbocciò il giorno

14 Marzo 2018 alle 06:10

Il sonno disturbato di Lupo

Foto via Flickr

Non prendeva sonno, ieri, Lupo. Era nella sua casa in via Etnea, a Catania, l’alba tardava e senza pace con se stesso lasciava il letto e andava al balcone per respirare la notte e cercare sulla volta del cielo un segno, anche nel buio. Baluginò per lui – ma come un tenue lampo – il manto di neve su Etna mentre Luna, senza le zampe di Lupo a cingerla, ebbe a svegliarsi nel soprassalto di assenza e volle raggiungerlo. Affacciati – entrambi – senza neppure volerlo respirarono la primavera che stava in agguato a Villa Bellini ma nascosta anche nei vasi alle finestre e così nei rampicanti dei cortili. E sui graticci dei terrazzi. Tutto gelsomino, manco a dirlo. E fu che col giorno sbocciò un tappeto: un tappeto dei tappeti del Paradiso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi