cerca

Il Sogno cinese è finito?

La propaganda di Pechino minimizza: nessun problema per l’economia cinese. Ma forse è molto peggio

Giulia Pompili

Email:

pompili@ilfoglio.it

12 Febbraio 2020 alle 06:00

Il Sogno cinese è finito?

Poliziotti paramilitari con le maschere marciano in un sottopassaggio pedonale vicino a Piazza Tiananmen a Pechino (Mark Schiefelbein/LaPresse)

Roma. Il contenimento del nuovo coronavirus è uno choc economico per la seconda economia del mondo, nell’anno in cui la sua crescita economica si è attestata ai minimi da quasi trent’anni. Limitazione dei viaggi durante il Capodanno cinese (59 milioni di persone in quarantena) soprattutto nella regione industriale dello Hubei e poi fabbriche e uffici chiusi per contenere il contagio, produzione ferma e debiti che aumentano. Nonostante il tentativo di minimizzare, la preoccupazione è che le misure emergenziali e le...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giulia Pompili

Giulia Pompili

Giulia Pompili è nata il 4 luglio. E' giornalista del Foglio dove scrive soprattutto di Asia – nel 2012 ha vinto il premio giornalistico "Umberto Agnelli" della Fondazione Italia Giappone. Recita a memoria i test missilistici di Kim Jong-un, ma pure le canzoni degli Afterhours. E' terzo dan di kendo.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Ferny55

    12 Febbraio 2020 - 08:30

    Sembra strano ma appena arrivato l'Orange Bad Man improvvisamente il mito economico della Cina, per larga parte dovute a politiche di dumping durate almeno 15 anni, entra crisi.

    Report

    Rispondi

Servizi