cerca

Nancy Pelosi chiede l'impeachment contro Trump

La procedura richiede l’approvazione del Senato con una maggioranza dei due terzi, che i democratici non hanno. Ma il Congresso vuole indagare sulla telefonata ricattatoria al presidente ucraino

25 Settembre 2019 alle 08:13

Nancy Pelosi chiede l'impeachment contro Trump

Ieri sera la speaker della Camera americana, Nancy Pelosi, ha annunciato una richiesta di impeachment contro il presidente Donald Trump a tredici mesi dalle elezioni del 2020. L’impeachment è la procedura più grave prevista dall’ordinamento americano e ha come effetto finale la rimozione del presidente. Però c’è bisogno dell’approvazione da parte del Senato con una maggioranza molto forte, dei due terzi, e considerato che i democratici non hanno i due terzi dei seggi al Senato è molto probabile che la procedura di impeachment non affonderà Trump. I democratici lo sanno, ma hanno scelto di andare avanti lo stesso perché pensano che il comportamento del presidente sia troppo grave e che merita di essere indagato ed esposto con molta più forza di quanto è stato fatto finora.

   

Nancy Pelosi è la leader dei democratici e da molti mesi resisteva alle richieste di impeachment contro Trump che le arrivavano dall’ala meno moderata del partito. Erano richieste che riguardavano il cosiddetto Russiagate, quindi l’inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller sulla possibile collusione tra il comitato elettorale di Trump e il governo russo. Ma, sebbene l’inchiesta avesse trovato prove inconfutabili sul fatto che l’intelligence russa ha aiutato l’elezione di Trump, i risultati sono stati troppo vaghi e Pelosi ha preferito resistere per non dare al presidente una facile vittoria mediatica del tipo “hanno tentato un impeachment contro di me, ma ne sono uscito indenne!”.

  

Sei giorni fa però è uscita la notizia che Trump ha provato a ricattare il presidente ucraino Volodymyr Zelensky durante una telefonata del 25 luglio. Trump ha chiesto ripetutamente all’ucraino di fare pressione sulla magistratura affinché coinvolgesse Hunter Biden in un caso di corruzione. Hunter Biden è il figlio di Joe Biden, che è il candidato democratico per ora più forte nei sondaggi contro Trump. Se Zelensky non avesse accettato la richiesta, Trump avrebbe sospeso gli aiuti militari all’Ucraina – che da anni è impegnata in una guerra civile nell’est del paese contro i separatisti filorussi. Questa notizia si basa su una denuncia formale fatta da un funzionario anonimo dei servizi segreti che ha ascoltato la telefonata e ha steso un rapporto. Se fosse confermato, si tratterebbe di un abuso di potere perché il presidente non può usare la politica estera e la sicurezza nazionale per colpire un rivale politico. Il Congresso vuole leggere il rapporto, ma l’Amministrazione Trump per ora non ha acconsentito e ha detto che forse diffonderà la trascrizione della telefonata.

  

Proprio questo ritardo nel dare il rapporto ha convinto i democratici che questa volta non c’è altro modo di ottenere chiarezza da Trump se non chiedendo il suo impeachment.

  

Secondo il Washington Post, la telefonata di Trump al presidente ucraino non è stata un’improvvisata maldestra, ma il culmine di una campagna pianificata per mesi dentro la Casa Bianca. Tanto che alcuni dentro lo staff del presidente volevano evitare a tutti i costi un incontro tra i due perché temevano che sarebbe successo proprio quello che poi, secondo la denuncia, è successo.

  

L’impeachment è una faccenda molto seria e arriva in un periodo in cui la politica americana è molto polarizzata – che è un modo cortese di dire che gli schieramenti si odiano come mai prima e che non intendono darla vinta agli avversari a qualsiasi costo. Trump ha già cominciato una controcampagna per dire che i democratici non riescono a batterlo con argomenti politici e allora hanno fatto ricorso a queste accuse. Sarebbe insomma un complotto contro di lui. E’ molto probabile che i toni molto accesi dei primi tre anni di mandato saranno ricordati come un preludio mite a quello che vedremo nell’ultimo anno del (primo?) mandato di Trump.

Daniele Raineri

Daniele Raineri

Di Genova. Nella redazione del Foglio mi occupo soprattutto delle notizie dall'estero. Sono stato corrispondente dal Cairo e da New York. Ho lavorato in Iraq, Siria e altri paesi. Ho studiato arabo in Yemen. Sono stato giornalista embedded con i soldati americani, con l'esercito iracheno, con i paracadutisti italiani e con i ribelli siriani durante la rivoluzione.

Segui la pagina Facebook

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • albertoxmura

    25 Settembre 2019 - 12:49

    Mentre i consensi in favore di Trump sono in crescita (passati dal 40% di gennai al 44% attuali) i dem tentano la mossa disperata dell'impeachment, usando peraltro un'arma a doppio taglio: dalle indagini ucraine potrebbero venir fuori dettagli non proprio piacevoli per Biden Jr, che indebolirebbero la candidatura di suo padre, il quale appare essere l'unico a poter contrastare Trump nelle elezioni del 2020.

    Report

    Rispondi

  • albertoxmura

    25 Settembre 2019 - 12:48

    Mentre i consensi in favore di Trump sono in crescita (passati dal 40% di gennai al 44% attuali) i dem tentano la mossa disperata dell'impeachment, usando peraltro un'arma a doppio taglio: dalle indagini ucraine potrebbero venir fuori dettagli non proprio piacevoli per Biden Jr, che indebolirebbero la candidatura di suo padre, il quale appare essere l'unico a poter contrastare Trump nelle elezioni del 2020.

    Report

    Rispondi

  • branzanti

    25 Settembre 2019 - 11:43

    I democratici arrivano a questo passo sapendo che non si arriverebbe all'impeachment nemmeno se esistesse un filmato in cui Trump strangola una vecchina. La mossa serve ad indagare in maniera pressante, senza alcuna indulgenza, su tutte le malefatte di Trump durante la sua squallida esistenza, prima e dopo l'elezione, a togliergli il respiro e qualsiasi possibilità di azione (che comunque è salubre per l'intero pianeta). La sua tetragona e stordita base non si smuovera', vediamo i dubbiosi e gli indipendenti. Una piccola digressione : ieri the man, all'Assemblea Onu, ha parlato di patrioti. Aveva ragione Samuel Johnson, il patriottismo è davvero l'ultimo rifugio delle canaglie.

    Report

    Rispondi

    • Ferny55

      25 Settembre 2019 - 12:37

      Obama per 8 anni ha utilizzato 17 agenzie di intelligence contro gli americani e contro i suoi alleati in Europa. Forse dimentica lo scandalo delle intercettazioni di tutti i maggiori leader europei operate dalla CIA. Eppure, di tutte le malefatte di Trump, neanche l'ombra. Nel frattempo centinaia di indagini in tutta l'America contro la corruzione del sistema, sia a destra che a sinistra, con condanne esemplari. Indagini che in alcuni casi risalgono agli anni 2008 misteriosamente tenute ferme. Ora si sale e di molto. Con l'accordo pieno di una parte dei democratici che non vedono l'ora di liberarsi della corruzione all'interno del loro partito.

      Report

      Rispondi

      • Skybolt

        25 Settembre 2019 - 14:50

        Gentilissimo, come dicevano gli Stoici antichi, ognuno di noi ha una parte da recitare sul palcoscenico della vita. La parte del buon branzanti (onore alla minuscola) è quella di avercela con gli USA tutti e soprattutto con chi gli USA vogliono fare e mantenere grandi. Sia indulgente.Se non le piace, guardi un altro spettacolo.

        Report

        Rispondi

        • branzanti

          25 Settembre 2019 - 15:21

          Gentilissimo Lei ha perfettamente ragione, ognuno ha la sua parte. Io, per hobby, mi sono data quella di provare a scalfire le certezze dei filoamericani, con la segreta, flebile speranza di indurre anche uno solo di loro a compiere lo stesso percorso compiuto da me, di ripudio di quella posizione. E poi, me lo conceda, quando si è stato, per cinquant'anni, convinto sostenitore di un paese, è difficile, sia pur con idee diverse, far finta che quel paese non esista.

          Report

          Rispondi

      • branzanti

        25 Settembre 2019 - 14:37

        Gentilissimo questo episodio (ricatto ad un leader straniero, nella propria posizione di governo, per acquisire vantaggi personali) è di una tale gravità che dovrebbe portare direttamente all'ergastolo. Ma non ho alcuna fiducia, gli Usa non sanno nemmeno cosa sia un vero sistema giudiziario, anzi ignorano proprio il concetto di giustizia.

        Report

        Rispondi

Servizi