cerca

Salvini e Di Maio pronti a rivedere la Manovra. Deficit, ipotesi del nuovo tetto a 2,1 per cento

Ecco perché, nel rispondere a Bruxelles, lunedì, il governo per la prima volta valuta di fare un passo indietro. La mediazione di Buffagni e Giorgetti

19 Ottobre 2018 alle 17:26

Salvini e Di Maio pronti a rivedere la manovra: nuovo tetto del deficit a 2,1

Stefano Buffagni e Luigi Di Maio (foto LaPresse)

“Meglio perdere la faccia, che perdere il governo”. La sintesi, in una mattinata sonnacchiosa in Transatlantico, la offre un deputato del M5s che segue da vicino i dossier economici. Ed è la sintesi del ragionamento che nelle stanze del governo stanno facendo: “Scendere al 2,1 come soglia di deficit”. Insomma, rivedere al ribasso la Manovra. Il tutto entro lunedì a mezzogiorno, quando l'esecutivo grilloleghista dovrà rispondere alla Commissione europea, che ieri ha di fatto bocciato la bozza del documento programmatico di bilancio come irricevibile. Eccessivo, anzi “senza precedenti”, lo scostamento rispetto ai patti: quel 2,4, dunque, non può reggere. Ai due leader, impegnati intanto in una sfida a distanza fatta di frecciate e sbugiardamenti reciproci sul pasticciaccio relativo al decreto fiscale, lo stanno spiegando, con parole sempre più chiare, i rispettivi consiglieri economici. 

   

Che Giancarlo Giorgetti e Massimo Garavaglia lavorino da settimane per persuadere Matteo Salvini a correggere la manovra, è cosa nota. Ma ormai anche nel M5s lo sforzo di Stefano Buffagni, sottosegretario agli Affari regionali ma uomo forte fidati di Luigi Di Maio e Davide Casaleggio sulle più svariate partite, è sempre più evidente. “Come Giorgetti è lombardo, come Giorgetti è un commercialista. E come Giorgetti, in fondo in fondo, è un democristianone”, sorride in Transatlantico Luca Carabetta, deputato pentastellato. Un modo per dire, senza dirlo, che ormai c'è un asse di sottogoverno che spinge i leader bellicosi ad una certa ragionevolezza. E' stato tenuto fuori dal Mef, Buffagni, anche in virtù di baruffe interne. Ma i ripetuti incidenti che si sono succeduti, in queste settimane, nei dintorni di Via XX Settembre, lo hanno accreditato agli occhi di Di Maio e di altri esponenti di punta del Movimento. E ora, pur preferendo restare nell'ombra, Buffagni predica prudenza: “Coi mercati non si scherza. Dobbiamo evitare di arrivare al downgrade restando su posizioni oltranziste”, va ripetendo da giorni.

 

Di Maio e Salvini hanno preso tempo: aspettavano di leggere il contenuto della lettera della Commissione. Ieri, quando è stata diffusa, l'hanno trovata - al di là delle dichiarazioni di facciata - più dura di quanto credessero. “Non c'è margine di trattativa: lunedì a mezzogiorno i mercati sono aperti, e la soglia critica dei 400 punti base è vicina”, ripetono i grillini. “D'altronde anche Paolo Savona aveva detto che, di fronte a uno spread senza controllo, rivedere la manovra non sarebbe stata un'abiura”, fanno eco i leghisti. E insomma alla fine anche i due leader potranno piegarsi alla realtà dei mercati. 

 

Il momento giusto per il ripensamento potrebbe essere già domani, alle 13, quando il governo si riunirà in un consiglio dei ministri d'urgenza. Ufficialmente, per mettere una pezza sul decreto fiscale. “Ma è chiaro che si parlerà anche della manovra”, spiega un uomo di governo della Lega. Il nuovo tetto? “Il 2,1 potrebbe essere un buon compromesso”. Bisognerà riscrivere la manovra, magari rimandando l'avvio del reddito di cittadinanza al secondo semestre del 2019. Di Maio farà fatica a digerire questa soluzione: ma sa anche lui che è meglio fare un passo indietro, scaricando comunque la colpa sui tecnoburocrati europei, piuttosto che far saltare il governo per aria. 

Valerio Valentini

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • branzanti

    19 Ottobre 2018 - 19:19

    Visto che la manina l'abbiamo ormai destinata ad altri compiti, potremmo cantare : "che gelida manovrina, se la lasci riscaldar"!

    Report

    Rispondi

  • Skybolt

    19 Ottobre 2018 - 18:40

    Vediamo se qualcuno ha la memoria migliore dei pesci rossi: cosa aveva detto Draghi una settimana fa? Aiutino: finirà con un compromesso. Eccolo.

    Report

    Rispondi

  • fiorevalter

    19 Ottobre 2018 - 18:23

    già che ci sono facciano ancora due o tre passetti così magari arriviamo a un deficit ragionevole

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    19 Ottobre 2018 - 18:10

    Il problema è uno solo: nel governo gialloverde ci sono troppi economisti ed esperti improvvisati, con i risultati che vediamo. Quanto alle manovre della cosiddetta Legge di stabilità o di bilancio, bisogna essere obiettivi: con Monti imperante, poi Letta, poi Renzi e poi Gentiloni non è che abbiano rilanciato l'economia.Evidentemente mancano le risorse, ma se si continua a non ridurre la spesa pubblica, la burocrazia , etc, etc siamo sempre alle solite, con il cane che si morde la coda.

    Report

    Rispondi

Servizi