L’immigrazione che serve

Al di là delle ragioni umanitarie, i numeri dicono che l’Italia ha bisogno di stranieri

13 Giugno 2018 alle 16:22

L’immigrazione che serve

Foto LaPresse

Dimenticatevi tutte le ragioni umanitarie per cui il diritto e il buonsenso prescrivono che un barcone carico di migranti stremati non possa essere abbandonato al suo destino. Dimenticatevi i buoni sentimenti e le foto dei bambini. Dimenticatevi le frasi da Bacio Perugina sui ponti e i muri. Dimenticatevi, infine, che ero straniero e mi avete accolto, o che per i cristiani “ogni regione straniera è la loro patria eppure ogni patria è per essi straniera”. C’è una ragione più cinica,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Skybolt

    13 Giugno 2018 - 18:06

    Invece di aumentare il tasso di impiego della popolazione italiana, soprattutto femminile, ai minimi livelli, si pensa di importare manodopera poco qualificata. Non considero nemmeno le balle (si balle) sul "ci pagano le pensioni". La spiegazione è sempre la stessa: creare l'esercito di riserva intimidatorio per comprimere salari e diritti. E' dal 1991/92 che Confindustria persegue questa politica, arrivando ai tempi a fare pressione sugli associati affinchè dismettessero i progetti di automazione. Si vede che il loro Ufficio Studi almeno alla fine del primo capitolo del Capitale c'è arrivato...

    Report

    Rispondi

  • 75mxa

    13 Giugno 2018 - 18:06

    L’Europa del 2018 non sono gli Stati Uniti del 1920. I nuovi lavori che si creeranno hanno tutti un minimo di contenuto specialistico. Selezionare chi entra sulla base di “ce l’ha fatta sui barconi” è folle. Per questo bisogna bloccare gli arrivi e rimpatriare chi arriva sui barconi. Per ciascun migrante che il paese di origine accetta indietro si apre un visto di lavoro e/o di studio. Cosí l’Italia può scegliere chi portarsi in casa e che capacitá debba avere. E si può anche fare in modo di equilibrare il rapporto maschi/femmine in ingresso, tema importantissimo di cui nessuno parla.

    Report

    Rispondi

  • bstucc

    13 Giugno 2018 - 18:06

    Il somalo o il senegalese che mendica la moneta del carrello fuori da tutti i supermercati a cosa servono?

    Report

    Rispondi

  • enzo.cn

    13 Giugno 2018 - 17:05

    Il bisogno di manodopera dovrebbe essere soddisfatto da una politica di libere assunzioni misurata sulle richieste del mercato e non forzata da un incontrollato "ingresso" di barconi sovraccarichi di sconosciuti numericamente al di fuori di ogni possibilità di integrazione.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi