cerca

L’élite è morta, viva l'élite!

Dallo snobismo liberale (copyright Elena Croce) messo in mora dal fascismo alla classe dirigente repubblicana

10 Giugno 2019 alle 11:45

L’élite è morta, viva l'élite!

Élite britannica negli anni Trenta: Cecil Beaton con le sorelle a Eton (foto via Wikimedia)

C’era una volta l’élite liberale. Fu messa in mora dal fascismo e per vent’anni conservò orgogliosamente la sua idea di libertà. Nel dopoguerra, colma di speranze di rinascita, si vide invece spodestata dalla sua caricatura, un’orrenda e vorace simil-borghesia, sprovvista di cultura e di educazione democratica, avida di prebende pubbliche e dedita al saccheggio del territorio… E se fosse già scritto che prima o poi tutte le élite tramontano? E’ successo all’élite liberale, potrebbe accadere alle élite democratiche, con questo...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi