cerca

La truce simbologia del caso Riace

Il modello Matteotti nell’epoca del governo farlocco. Più ancora delle motivazioni dell’arresto del “sindaco dell’accoglienza” Mimmo Lucano (che paiono deboli pure alla procura) spaventano le rivendicazioni politiche e “morali”. Contro indagine

3 Ottobre 2018 alle 06:16

La truce simbologia del caso Riace

Foto LaPresse

“L’Italia, o signori, vuole la pace, vuole la tranquillità, vuole la calma laboriosa; gliela daremo con l’amore, se è possibile, o con la forza se sarà necessario”. Bella, no? Piena di patriottismo. E adatta ai tempi. Tempi in cui quel che il popolo vuole bisogna farglielo avere con la forza, perché la democrazia delle regole non funziona più. Non sarebbe necessario ricordare – ma vista la qualità del dibattito politico attuale forse è meglio di sì – che è un...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    03 Ottobre 2018 - 18:06

    Può piacere o non piacere, ma il Cap. fa gli interessi degli italiani, il bonzo di Riace fa quello dei clandestini. Non è la stessa cosa.

    Report

    Rispondi

  • stearm

    03 Ottobre 2018 - 10:10

    Insomma le indagini della procura hanno dimostrato che a Riace, a differenza della stragrande maggioranza dei comuni calabresi, le irregolarità amministrative (!) le compie un sindaco regolarmente eletto. Negli altri comuni le compie la 'ndrangheta, ma non solo quelle amministrative, anche quelle penali, come ad esempio il reato di associazione mafiosa. A latere, il business dell'immigrazione? Schumpeter lo chiamerebbe 'spirito imprenditoriale'. Insomma, l'accusa al sindaco non è un'accusa, ma infondo un elogio.

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    03 Ottobre 2018 - 07:07

    Non si può certo disconoscere di essere in una fase della vita politica che definire assordante è un eufemismo. Da una parte l'atavica superficialità degli italiani nei riguardi delle leggi , dall'altra la voglia di dimostrare di chi c'è l'ha più duro ( se la metafora sia ancora di moda ). Mi sa che gli italiani non si rendano conto in quale direzione stanno andando. Sommersi dal rispetto di 200.000 circa di leggi, non capiscono come si possa condurre una vita serena e legale, dando ciascuno il proprio contributo per una società accogliente, solidale e tollerante, in grado di offrire un benessere generalizzato. La politica sembra impazzita pronta al tutto contro tutti se non vede soddisfatti i desiderata di ciascun cittadino. Non si è in grado di fare una sintesi razionale e coerente con la nostra storia e tradizione. Il nuovo messaggio politico e non solo è: siamo un grande paese che se ne può fregare del''Europa senza contestualizzarlo col resto del mondo.

    Report

    Rispondi

Servizi