"Riace è un modello. Vergognoso rilanciare le idiozie di Sibilia". Parla Elena Fattori

Valerio Valentini

La senatrice del M5s contraria al "post scandaloso" del suo collega, subito condiviso dal Sacro blog. "L'arresto di Lucano è surreale: riguarda un reato, quello di immigrazione clandestina, che il M5s aveva chiesto di abolire"

"Si dovrebbero vergognare". Elena Fattori legge il post sul Blog delle stelle, e trasalisce. "Si dovrebbero vergognare a rilanciare le idiozie di Sibilia". E il riferimento è al post, scritto dal sottosegretario all'Interno grillino a poche ore dall'arresto di Mimmo Lucano: un post di condanna del "modello Riace" e subito condiviso dal portale di riferimento del M5s. "Scandaloso il post di Sibilia", dice la senatrice pentastellata, "e ancora più esecrabile il rilancio su organo di comunicazione collettivo senza un passaggio in assemblea".

 

 

Ci sta dicendo, Fattori, che quella espressa sul Blog delle stelle non è l'espressione della volontà del gruppo parlamentare?

"Non c’è nessuna decisione qui. C’è una delle tante uscite infelici di Sibilia e un rilancio inopportuno".

 

Errore solo di metodo. O sono anche i contenuti di quel messaggio a farla infuriare?

"Entrambi, certo. La cosa più surreale di questo arresto è che riguarda un reato, quello di immigrazione clandestina, che il Movimento 5 Stelle aveva chiesto di abolire. L’emendamento Buccarella-Cioffi che ne disponeva l’abrogazione era stato approvato in aula ma la disposizione mai attuata dal precedente governo del Pd".

 

Si discusse anche sul blog, di quel tema.

"Ricordo bene. Era l'inizio del 2014, e Beppe e Gianroberto avevano posto la questione agli iscritti al blog che avevano ratificato la volontà di abolire un reato privo di senso".

 

Come dire che la democrazia diretta, così, va a farsi benedire. 

"Io dico colo che trovo inopportuna l’uscita sul blog in quanto da portavoce non dovremmo festeggiare per un arresto per un reato che il popolo 5 stelle ha votato per abolire. Piuttosto da portavoce dovremmo rendere onore alla volontà del popolo 5 stelle mettendo all'ordine del giorno l’abolizione del reato in questione".

 

Lei conosce Mimmo Lucano?

"No. Ma mi pare che il suo arresto sia incomprensibile. Per carità, la magistratura farà il suo corso e noi rispettiamo il lavoro degli inquirenti e dei giudici. Però è certo che quello di Riace era un modello di accoglienza e integrazione".

 

Eppure tanti suoi colleghi M5s, alcuni dei quali avevano anche lodato Lucano in passato, ora condannano quel modello. Parlano di "business dell'immigrazione".

"Non si può valutare un sistema di accoglienza in base a una presunzione di reato. Un reato tra l’altro che non dovrebbe più esistere. Scandaloso il post di Sibilia, ancora più esecrabile il rilancio su organo di comunicazione collettivo senza un passaggio in assemblea. E ripeto: chi lo ha rilanciato lo ha fatto di sua iniziativa e non corrisponde a un’indicazione dell’assemblea, e questo è molto grave".

Di più su questi argomenti: