cerca

I luoghi comuni da evitare sull'arresto del sindaco di Riace

Lucano si è mosso a metà tra rigore umanitario e astuzia mediterranea. E' la procura di Locri ad aver agito con una logica da “campagna di annientamento” 

3 Ottobre 2018 alle 06:09

I luoghi comuni da evitare sull'arresto del sindaco di Riace

La manifestazione di sostegno a Domenico Lucano di martedì pomeriggio a Roma. Foto LaPresse

Sulla vicenda del sindaco di Riace si corre il rischio, sempre in agguato, di non cogliere gli aspetti centrali della questione per soffermarsi in dibattiti sui massimi princìpi, essere presi da eccessi enfatici o peggio ancora cedere alla banalità del luogo comune. Ad esempio, è sicuramente interessante approfondire la differenza fra la disobbedienza civile propriamente detta e l’aggiramento di una legge ritenuta ingiusta. Il discrimine sta nei comportamenti: il disobbediente civile invoca, quasi pretende, la messa sotto accusa per arrivare a un processo che possa costituire la possibile base legale di una modifica o dell’abrogazione della legge iniqua; l’aggiratore, diciamo così, vanifica per quanto può gli effetti della legge, ottenendo risultati sostanziali se pure limitati, e vuole evitare che questi siano vanificati da un intervento giudiziario che certo non sarà lui a sollecitare.

   

Il sindaco Domenico Lucano si è mosso con rigore umanitario e astuzia mediterranea a metà fra i due comportamenti citati. Ma non è il punto centrale della faccenda. La procura di Locri ha agito con una logica da “campagna di annientamento”, chiedendo gli arresti per 15 persone – il gip ne ha respinti 14 – e ipotizzando una sorta di remake di “mafia capitale” imputando l’affidamento della raccolta rifiuti a una cooperativa di extracomunitari, col rischio di suscitare qualche amara ironia vista la situazione dei comuni della locride in materia. Il senso dell’operazione dà sicuramente l’impressione di derivare dal clima politico prevalente ma non vuol dire che ci si stato un input politico. I regimi nascono quando gli ordini non è più necessario darli. E’ questo il punto centrale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giuseppe

    04 Ottobre 2018 - 10:10

    E' vero c’è differenza tra disobbedienza civile e aggiramento della legge.(E penso anche a M. Feltri oggi) Ma anche i contesti sono diversi. Una cosa è dire “guardate sto fumando uno spinello. La legge proibizionista non mi piace. Arrestatemi”. E’ una bella cosa che finisce con una denuncia (che in genere non porta in carcere) e che comunque ottiene il risultato di sollevare un problema ma non risolve niente di pratico. Un’altra cosa è dire: “Guardate sto aiutando illegalmente un immigrato, sono contrario a questa legge” La polizia interviene blocca tutto e non ottieni niente. Ecco io penso che in certi casi il risultato pratico sia più importante del modo di operare. Se Lucano avesse compiuto tutto in forma di disobbedienza civile non solo sarebbe finito in carcere qualche anno fa ma tutte le persone che ha aiutato (non conosco il modello Riace ma molti dicono che effettivamente l’ha fatto) ora sarebbero in mezzo ad una strada o peggio anche loro in carcere o rimpatriati. Giuseppe

    Report

    Rispondi

  • verypeoplista

    verypeoplista

    03 Ottobre 2018 - 12:12

    Che "vicinanza" : Riace luogo dove svolge la sua attività Domenico Lucano e Stilo dove nasce Tommaso Campanella: Riace è la ipotizzata "Città del Sole" di Tommaso 4-500 anni or sono? Certamente no poichè il primo nella sua veste istituzionale (potere) agisce non, come Campanella, su valori utopistici e idealisti, bensi con la razionalità della prassi adottando i principi del Machiavelli: una organizzazione sul territorio capillare atta a gestire l'integrazione locale di Riace. Ma il potere delegato (32 euri/giorno) comincia già nel 2014 a venire meno: allora, e mi rifaccio alle sue 2 ultime righe, il "regime" che lei (ipotizza? o certifica?) era quello di prima o l'attuale?. Si intuisce che il mio pensiero è quello che il regime in Italia è finito con l'intervento degli "allied" in Italia (per fortuna). Già che ci siamo penso che il modello Riace non sia esportabile da nessuna parte; se ce ne sarà occasione (sono a -40 caratteri e la Borsa balla) evidenzierò i perchè.

    Report

    Rispondi

Servizi