cerca

Perché Borghi parla di Italexit proprio adesso

Alla fine la verità, finora nascosta agli “attivisti”, si fa strada. È molto improbabile l’ipotesi di un vero ribaltone alle Europee e poi ci sono i tempi (non fulminei) delle procedure

15 Febbraio 2019 alle 19:42

Perché si ricomincia a parlare di uscita dall’euro e dall’Ue

Claudio Borghi (foto LaPresse)

Prima di maggio c’è ancora un tempo, politicamente parlando, lunghissimo e poi i sondaggi veri si fanno con le liste elettorali già depositate con simboli e candidati e nulla di questo è ancora successo, eppure si può definirela settimana che si è chiusa come una settimana di svolta rispetto alle previsioni sulle elezioni europee. In realtà non è che sia cambiato molto nei fatti ma sta diventando sempre più raro il leitmotiv al quale sovranisti, moderati o estremisti che fossero, ci avevano abituato. “Dopo le elezioni cambierà tutto, questa Commissione europea ha ormai le valige in mano, saranno altri a giudicare gli innegabili effetti del governo del cambiamento!”. Alla fine la verità, finora nascosta agli “attivisti” come, peraltro correttamente, li definisce il senatore pentastellato Giarrusso, si fa strada.

    

Non è questione di sondaggi ma di procedure e quelle europee non sono fulminee. Fino a novembre di una nuova Commissione europea non se ne parla. Quanto ai sondaggi, comunque prematuri, anche scontando un certo successo delle forze nazionalpopuliste in alcuni paesi, è molto improbabile l’ipotesi di un vero e proprio ribaltone. È comunque sicuro che quando il governo imposterà la nuova manovra economica, o addirittura dovesse ancora prima essere costretto a una manovra bis, quelli che daranno un primo giudizio sarebbero gli stessi che finora sono stati coperti di insulti. In Italia qualcuno comincia a rendersene conto e riprende a parlare di uscita dall’euro e dall’Ue, come il leghista Borghi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • MyOwnBoss

    15 Febbraio 2019 - 23:11

    Ulteriore eccellente motivo per NON votare Lega né, ça va sans dire, i gialli. Tutti quelli che straparlano di uscire dalla UE e dall'Euro non sono semplici avversari ma NEMICI.

    Report

    Rispondi

    • fabriziocelliforli

      18 Febbraio 2019 - 13:01

      Confermo: impedire lo sfascio dell'idea d'Europa, che corre sottotraccia nelle teste malate di troppi, è il primo MUST delle elezioni di maggio. Si voti quel che si voti. MA: lista Calenda appare un tweet dove il voto vale un cuoricino 'like'. Ma ci sono sterminati spazi e sovrumani silenzi..

      Report

      Rispondi

Servizi