cerca

Il senso politico del ritorno di Luttazzi. E della cancellazione di Luca e Paolo

Freccero apparecchia il cambiamento che può frenare l’emorragia di consensi del M5s galvanizzando la peggiore sinistra. Ma non c'è contrapposizioni con la sospensione del programma del duo. Il Pd ne prenda nota

4 Gennaio 2019 alle 20:34

Il senso politico del ritorno di Luttazzi. E della cancellazione di Luca e Paolo

Carlo Freccero (foto LaPresse)

Se Leoluca Orlando, di cui si parlava qui, è un mago della comunicazione politica, Carlo Freccero è un mago della comunicazione più modernamente intesa, quella che riesce a imporsi alla politica dandole i tempi. Mentre Salvini il truce galvanizza, a spese dei neri, l’elettorato della peggiore destra rubando così consenso ai Cinque stelle, Freccero apparecchia il cambiamento che può frenare l’emorragia galvanizzando la peggiore sinistra, quella che dal PalaVobis si era poi trasferita al Vaffaday. A loro è dedicato il ritorno in Rai di Daniele Luttazzi, anche perché sono gli unici a ricordare chi sia. E’ un elettorato strategico per il M5s ma è divenuto friabile dopo le concessioni pesanti di Di Maio ai leghisti, ai quali l’ex “popolo viola” d’inizio millennio non perdona il lungo sodalizio col Cavaliere. Il senso politico dell’annuncio del nuovo direttore di Raidue è chiarissimo ed è anche logico che l’opposizione cerchi di contrastarlo. Sbaglia però chi punta a contrapporre il ritorno di Luttazzi alla contemporaneamente annunciata sospensione del programma di Luca e Paolo. Eppure su questo tema sono partiti ventre a terra diversi deputati Pd. Gli unici a gettare acqua sul fuoco sono stati proprio Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu, persone intelligenti, come Freccero del resto, che hanno minimizzato, pur non approvandole, le parole del direttore rispetto alle quali, secondo loro, parlare di epurazione è esagerato. Ne tenga conto il Pd, non solo perché di epurazioni in Rai ognuno ha fatto le sue, ma soprattuto perché uno scontro sulla Rai, nella politica italiana, può divenire più insidioso e devastante di uno sulla manovra economica. E’ sperabile Luca e Paolo rimangano dove sono.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fbrasi72

    08 Gennaio 2019 - 10:10

    Freccero è la peggiore sinistra.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    08 Gennaio 2019 - 08:08

    Mi scusi Bordin, ma posso continuare a credere che tanto Orlando Leoluca quanto Freccero siano stati e restino personaggi incredibilmente sopravvalutati, sia per quanto riguarda l’intelligenza politica che le capacità comunicative? Dove siamo finiti non dipenderà anche da queste remote o attuali sopravvalutazioni di almeno una parte delle nostre élite intellettuali di sinistra?

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    06 Gennaio 2019 - 20:08

    Freccero il camaleonte. Chi lo avrebbe mai detto. Che cosa non si fa per tornare ad essere. Qual è la verità? Chi può dirlo. La tristezza è che questi personaggi sono esempio e dal brutto esempio questi abbiamo. Prima comunisti poi finti socialisti sempre qualunquisti. E pensare che i 5S volevano fare la rivoluzione. Poveracci. Sembra un film già visto. Lo storia dicono che mai si ripete uguale ma quasi si. Ora i 5S propugnano referendum senza quorum. Bastano numeri da bussolotto. Lo sfascio continua e certi intelletto’ gli fanno da sponda e cancellano professionisti dalla televisione perché ironizzano le cazzate governative. Aridatece er puzzone. Almeno era originale.

    Report

    Rispondi

  • antonioz

    05 Gennaio 2019 - 11:11

    primo) ho visto il video incriminato di L e P sul sito di repubblica, non mi ha fatto ridere. secondo) un dirigente può fare quello che ritiene utile e lo giudichiamo dopo? Magari ci fa vedere il vero Toninelli in un programma satirico. terzo) sarebbe stato più coerente protestare quando sono stai messi in RAI questi due-

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi