cerca

Cosa ci dice davvero il numero dei morti nel Mediterraneo

L'Ispi ha fornito un dato comparativo sulla media giornaliera di migranti che muoiono sulla rotta libica. Da luglio 2017 a maggio di quest’anno il numero quotidiano dei morti era crollato a 3,3. Col nuovo governo, si risale a 7,8

22 Settembre 2018 alle 06:00

Cosa ci dice davvero il numero dei morti nel Mediterraneo

maggio 2015. La nave Fenice della Marina Militare conduce al porto di Augusta 17 salme di migranti morti e 453 superstiti recuperati (foto LaPresse)

Un dato sui morti nel mare Mediterraneo dovrebbe fare riflettere. Si tratta di un dato comparativo, la fonte è l’Ispi, sulla media giornaliera di morti sulla rotta libica. Nel periodo compreso fra il gennaio 2016 e il maggio 2017, periodo che comprende i primi 5 mesi di Minniti al Viminale, la media giornaliera dei dispersi risulta di 11,6. Nel periodo successivo, da luglio 2017 a maggio di quest’anno il numero quotidiano dei morti crolla a 3,3. Questa estate da giugno ad agosto, col nuovo governo, si risale a 7,8. È giusto notare che le comparazioni più attendibili devono essere fatte su periodi omogenei. Va anche aggiunto che il periodo estivo, per ovvi motivi, vede un incremento del traffico via mare e dunque anche dei morti. Si possono consultare altre fonti che comparano i periodi da maggio a settembre degli ultimi due anni e verificare che la forbice si restringe e, per alcuni, quasi si annulla. Un fatto però è incontrovertibile. La caduta verticale del numero dei viaggi, e dunque dei morti, avviene con il ministro Minniti. Il suo successore al massimo non ha aggravato la situazione, a parte un incidente diplomatico con la Tunisia. I critici da sinistra del ministro del Pd hanno fatto notare che la statistica non contempla il numero di morti nei centri lager libici. È vero ma quel numero non lo conosce nessuno. La presenza, non completa e comunque imperfetta, degli organismi Onu e delle Ong nei centri libici, potrebbe aiutare a comprendere l’entità, sicuramente raccapricciante, del fenomeno e tentare di ridurlo. Anche questa però è una novità introdotta da Minniti e pare improbabile che il suo successore intenda renderla più incisiva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • NAPOORSO

    22 Settembre 2018 - 21:09

    Ma le cifre come sono state calcolate? C'è qualche riscontro oggettivo alla base delle cifre? Antico proverbio: esistono le piccole bugie, le grandi bugie e le statistiche....

    Report

    Rispondi

Servizi