cerca

Tav: mandiamo un bel vaffa ai vaffa

Sulle opere infrastrutturali si sta giocando una partita delicata nel governo. Il grillismo vuole che il “governo del cambiamento” punti sulla “decrescita felice”. Occhio: la decrescita non è mai felice

8 Agosto 2018 alle 06:00

Tav: mandiamo un bel vaffa ai vaffa

Foto LaPresse

Sulla Tav, e più in generale sulle opere infrastrutturali, si sta giocando una partita delicata nel governo. Anche qui si nota la differenza tra il “rito ambrosiano”, fatto di concretezza, visione e coraggio (ne ho parlato in questa rubrica tre settimane fa) e quello romano, fatto di vertici che non servono a prendere decisioni, ma a fare dirette Facebook. Non c’è un solo valido motivo per non farla, la Tav: è una linea ferroviaria, non una super-autostrada-che-porta-inquinamento, il traffico lo toglie. E’ utile al Piemonte, al nord e all’Italia, visto che inserisce il nostro Belpaese nel sistema dei “corridoi europei” ovest-est. Da ministro dell’Interno avevo contrastato le violenze (fisiche) dei No Tav, a cui ora si aggiungono quelle (verbali) di Beppe Grillo: sul suo blog elenca i 9 buoni motivi (buoni per lui) per dire no alla Tav. Segnalo l’ultimo dei “vaffa” che dovrebbero convincere Di Maio & Co. a dire no all’opera: “Il progresso non deve essere confuso con la crescita infinita”. Ecco il punto: il grillismo d’assalto vuole che il “governo del cambiamento” punti sulla “decrescita felice”. Occhio: la decrescita non è mai felice, anzi, è piena di inconsistenze teoriche e di limiti pratici ed è nemica della società aperta e del libero mercato. Ne ha scritto a profusione questo giornale, sin dal 2014. E allora forza Lega, forza Salvini, prima gli italiani (e se è ancora consentito prima il nord): mandiamo un bel vaffa ai vaffa che vogliono un futuro al lume di candela. Stay tuned.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    08 Agosto 2018 - 09:09

    Caro e stimato Maroni, come lei sa il ciarlatano Di Maio aveva solennemente promesso al popolo che tutte le decisioni del governo, nomine comprese, non sarebbero più state prese in riunioni di vertice, come era d’uso nella stagione dei porci politicanti della Casta, ma direttamente dal popolo, se non al Circo Massimo, almeno sul web con la piattaforma gestita dalla Casaleggio Associati. La democrazia diretta e in diretta, finalmente. Quattro scalmanati con le molotov si oppongono alla Tav? E’ il bello della diretta! Converrà che su questa questione vie di mezzo o compromessi non esistono: la Tav si fa o si blocca per sempre. E dunque purtroppo il prender tempo della Lega sua e di Salvini e’ inspiegabile, elettoralmente ingiustificabile e pure pericoloso, come mi par di capire creda anche lei. Le scorciatoie portano ai precipizi non solo in montagna, pure in politica.

    Report

    Rispondi

  • manfredik

    08 Agosto 2018 - 08:08

    Cirino Pomicino chiama i moderati a raccolta: Maroni, Zaia, Sala,Bentivogli, Cottarelli, ...battete un colpo. L'Italia è sempre stata con Cavour e invece adesso siamo in mano a Mazzini; a questi dedicheremo piazze e monumenti fra 100 anni, per adesso li preferiremmo esuli a Londra (così si godono la Brexit)

    Report

    Rispondi

Servizi