cerca

Siate folli, tagliate i parlamentari!

La riduzione dei deputati e dei senatori senza riforme strutturali fa venire in mente la storica frase di Steve Jobs

8 Ottobre 2019 alle 06:15

Siate folli, tagliate i parlamentari!

foto LaPresse

Nel disinteresse più assoluto del paese radicato nel paese, oltreché nella frenetica rincorsa della politica, quasi tutta, al disinteresse più assoluto del paese da essa sradicato, ma radicato in se stesso, la Camera dei Deputati dovrebbe votare oggi in via definitiva il taglio dei parlamentari. Il taglio suddetto, con la Camera che passerebbe da 630 a 400 membri, mentre il Senato da 315 a 200, porterebbe alla settima economia del pianeta (o ottava, o nona, non fatemi andare su Wikipedia con quello che mi pagano) un risparmio di 100 milioni di euri l’anno: l’equivalente di una barca con tre salotti e relativi controcazzi che un solo riccone si può giocare a chemin de fer, mentre quattrocento idraulici a briscola. Avverrebbe, lo storico taglio, senza alcun accordo politico sulle riforme elettorali, e figurarsi le costituzionali che avrebbero dovuto accompagnarlo. O ancor meglio, precederlo. Piace ricordare, nel fausto frangente, le due parole di Steve Jobs celebratissime dal popolo: siate folli, esortò. Folli. Giù standing applausi. Avevano capito deficienti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • cesare battisti

    08 Ottobre 2019 - 16:04

    Mi piace che cita Jobs... nel 2019! Quando nel '72 lc esaltava i compagni che avevano messo le bombe all'IBM rea ( come tutta l'informatica) di togliere posti di lavoro agli operai: si voleva che restassero sempre in fabbrica a farsi sfruttare, così che Sofri potesse continuare a giocare, per tutta la vita, al capo rivoluzionario! ( che odiava gli informatici quale Jobs era).

    Report

    Rispondi

Servizi