cerca

“Non è la D’Urso”, una nuova finestra per il populismo televisivo

Il trash è politico. La convergenza di Lega e M5s nel “sentiment” di un talk infinito

18 Marzo 2019 alle 08:32

Il trash è politico

Quarantatré anni di spettacolo e “undici di diretta quotidiana”: Barbara D’Urso (ora anche il mercoledì con “Non è la D’Urso”), di gran lunga il reality più lungo della storia

Si apre un’altra finestra per il populismo televisivo. Dopo la domenica da Giletti, il martedì da Floris e il giovedì da Formigli, Salvini potrà andare il mercoledì a “Non è la D’Urso”, nuova creatura della factory Mediaset che tiene insieme, “Domenica Live”, “Pomeriggio Cinque”, il prossimo “Grande Fratello” e “La Dottoressa Giò”. Potrà testare il “live sentiment” degli italiani sulla flat tax, la legittima difesa, le Ong, il pecorino sardo, Mussolini che ha fatto anche cose  buone e un’eventuale invasione...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Andrea Minuz

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Alby65

    Alby65

    09 Aprile 2019 - 12:12

    Non mi stupisco che il mondo televisivo come quello politico nel 2019 sia in mano ai Barabba.La cultura ha fallito,oggi se un noto intellettuale va in televisione e parla correttamente l'italiano è noioso,muffoso,in pratica fa cambiare canale.Purtroppo lo spettatore professionista dello zapping estremo,nella maggior parte dei casi èl'araldo del regno assoluto dell'ignoranza che ha cambiato volto recentemente a questo paese.Il decorticato cerebrale che si bea se qualcuno ha chiuso i porti e lascia in balia dei marosi donne e bambini,il rancoroso frustrato che non vedeva l'ora di poter indossare il cinturone con la Colt per sparare a chiunque nel nome del fallimento culturale civile che stiamo vivendo.Oggi chi fa odiens non è l'intelletto ma l'ignoranza più buia,feroce,affamata di odio e notorietà, tra bagnini palestrati e finte soubrette da cubo tutti assogettati da presentatrici/domatrici piene di lustrini e chirurgia estetica,italian horror story.

    Report

    Rispondi

Servizi