cerca

Le Note dei vescovi

Il male che affligge la Cei è innanzitutto culturale: dopo sette anni non ha ancora capito il Papa

10 Maggio 2020 alle 06:14

Le Note dei vescovi

foto LaPresse

A guardare i comunicati e le Note della Conferenza episcopale italiana viene da dar ragione a quanti chiedono che si celebri al più presto un Sinodo per l’Italia. I vescovi si sono incartati anche sulla pandemia, con le giravolte che si sono viste in questi mesi e sulle quali non vale la pena tornare, anche perché tutto è noto. E però l’immagine plastica della confusione imperante resterà a lungo. Ci sono sacerdoti, da nord a sud, che hanno sospeso le messe in streaming come segno di protesta per l’ultima presa di posizione del cardinale Gualtiero Bassetti, che tra un ringraziamento al governo e uno ai tecnici è riuscito a smentire la Nota che la Cei aveva diffuso neppure una settimana prima, in cui gridava alla violazione della libertà di culto. Si ricorderà anche l’editoriale durissimo di Avvenire, a firma del direttore Marco Tarquinio, pubblicato pochi minuti dopo la conclusione della conferenza stampa di Giuseppe Conte. Tutto passato, visto che s’è trovato l’accordo per far celebrare i funerali con 15 persone e le messe forse a fine mese. In pratica quello che era già stato deciso (o quasi) prima dello scontro furibondo. Una cosa la Cei l’ha però ottenuta: niente termometro per chi partecipa a un funerale. Di questi tempi, meglio di niente. A parte le battute, lo stato della crisi è evidente. Ed è un problema innanzitutto culturale per una gerarchia che in sette anni non ha ancora ben capito né il Papa né quanto Egli vuole (non desidera: vuole). Non è mai troppo tardi per imparare, certo. L’auspicio è che prima o poi la via possa essere trovata.

Matteo Matzuzzi

Matteo Matzuzzi

E' nato a Udine nel 1986. Si è laureato per convinzione in diplomazia e per combinazione si è trovato a fare il giornalista. Ha sperimentato la follia di fare l'arbitro di calcio, prendendosi pioggia e insulti a ogni weekend. Milanista critico e ormai poco sentimentale, ama leggere Roth (Joseph, non Philip) e McCarthy (Cormac). Ha la comune passione per le serie tv americane che valuta con riconosciuto spirito polemico. Al Foglio si occupa di libri, chiesa, religioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi