cerca

Il mondo riscopre il gran vaccino della democrazia liberale

La grande svolta dell’Europa, la nascita di un nuovo patriottismo, la collettività che supera gli interessi nazionali. Il dramma coronavirus e gli anticorpi di una società. Una chiacchierata con Romano Prodi

20 Marzo 2020 alle 06:00

Il mondo riscopre il gran vaccino della democrazia liberale

Romano Prodi (foto LaPresse)

Drin drin. Professore, buongiorno, come sta? La stavo cercando, sul suo numero fisso, ma mi hanno detto che era in giro. “Come in giro? Sono disciplinato: sono solo andato a buttare la spazzatura!”. La spazzatura: è diventato il momento che tutti attendiamo ogni giorno. Ci si veste eleganti per buttare la differenziata. “Ora che ci penso sono andato anche un attimo in farmacia, qualche giorno fa”. Altro da dichiarare? “Tra qualche giorno uscirò un paio di minuti, per comprare il...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Claudio Cerasa

Claudio Cerasa

Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Andrew

    Andrew

    21 Marzo 2020 - 15:08

    ...quello delle sedute spiritiche di via Gradoli???

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    20 Marzo 2020 - 14:03

    Al direttore - Comprendo e non critico l'infatuazione e la speranza che la matrigna si muti in madre, di tutti. Finora non è accaduto niente di concreto e strutturale che lo faccia intravedere. I soldi ce li mise anche Mario Draghi, con l'avversione della Germania e della Francia, senza aspettare migliaia di morti. Il virus ha, inpierosamente messo in evidenza che l'insieme dei sistemi politici-ecomomici-sociali degli stati europei non possedeva gli strumenti culturali ed operativi per essere un blocco coeso e compatto, univoco, contro un evento pandemico così devastante. Imprevedibile, certamente, ma affrontato in ordine sparso e tra feroci scontri poitici, int erni e tra stati. Neppure i cittadini europei erano preparati ad una simile situazione. La moneta unica, pur necessaria, ha scatenato la legge del più forte e accentuato le divisioni e gli egoismi storici. Ne dovrà passare di acqua sotto i ponti, prima di arrivare, non a chiacchiere, alla Patria Europea.

    Report

    Rispondi

  • In77rn

    20 Marzo 2020 - 12:03

    Ah già, il nonno delle sardine. A proposito, che fine hanno fatto le sardine? Tutte sotto vuoto anche loro, per paura di beccarsi il Virus?

    Report

    Rispondi

    • Dario

      Dario

      20 Marzo 2020 - 17:54

      Beh, per un movimento che aveva fatto dei flash mob di piazza la sua principale forma di espressione direi che non c'erano molte alternative.

      Report

      Rispondi

      • Carlo A. Rossi

        22 Marzo 2020 - 19:01

        Però, che io sappia, c'è la possibilità di farsi sentire attraverso i tanto amati "social network". Il contagio mica si palesa attraverso internet, o sbaglio?

        Report

        Rispondi

  • luiga

    20 Marzo 2020 - 10:35

    Prodi ha avuto un coraggio da leone a mettersi a capo di quella masnada di teste vuote che aveva il nome di Unione. Fu redatto un programma di governo di ben 150 pagine per dare modo ad ognuno di piantare la sua bandierina, ma era necessario per il Paese. Poi fu mandato via da D'alema che scalpitava per portare portare per la prima volta un pc alla guida del governo, andò anche negli USA per accreditarsi. Nonostante ciò si è sempre schierato con qella parte e il lato vendicativo lo ha lasciato per Renzi. A un certo punto non ho più capito il suo percorso.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      20 Marzo 2020 - 13:25

      Grande coraggio, tutti a spingerlo e lui "No, no, non voglio...". Ma per favore, mai visto un rluttante ma coraggioso tanto poco riluttante.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

Servizi