cerca

Un inganno chiamato Casaleggio

Ma quale mago dell’innovazione! Così il Garante mette a nudo anche l’incompetenza del capo del M5s

3 Aprile 2019 alle 06:04

Un inganno chiamato Casaleggio

Foto LaPresse

Roma. Un giorno, quando ci guarderemo indietro, ci chiederemo com’è stato possibile che un paese sviluppato e civilizzato, del G7 e dell’Unione europea, abbia creduto a una rappresentazione così falsa e truffaldina: la piattaforma Rousseau, la democrazia diretta, i cittadini che scrivono le leggi. E la risposta, purtroppo, sarà che gran parte della responsabilità è stata dei media, di noi giornalisti che ci siamo prestati ad amplificare la propaganda anziché raccontare i fatti. Dire che il webmaster è nudo, cioè...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Luciano Capone

Luciano Capone

Sono cresciuto in Irpinia, a Savignano. Sono al Foglio da 12-13 anni, anche se il Foglio non l’ha mai saputo, da quando è diventato la mia piacevole lettura quotidiana. Dal 2014 sono sul Foglio e stavolta lo sa anche il Foglio. Liberista sfrenato, a volte persino selvaggio.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Micky

    03 Aprile 2019 - 17:05

    Situazione surreale. Da rimanere esterrefatti. Ma ci sono o ci fanno? Michele Segato

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    03 Aprile 2019 - 16:04

    Al direttore - Ottimo Capone. le cause dell'accaduto vengono da molto lontano. Basta leggere il "Saggio sui costumi correnti degli italiani" Giacomo Leopardi, 1821, e "Girella" e "Re Travicello piovuto ai ranocchi", Giuseppe Giusti, 1836, per capire il successo dei 5Stelle e l'endorsement dei media e degli intellettuali a gogò. Incombevano poi sullo sfondo gli apodittici TTB e TTR e la caratterista intrinseca dei nostri elettori: sono al 90% carenti di cultura politica e ritengono che la stessa coincida col tifare. Non siamo stati capaci di superare culturalmente quei muri, ergo la narrazione populista/qualunquista del casaleggio pensiero, dell'uno vale uno, dell'odio di classe sempre pronto ad esplodere, della tendenza al giustizialismo propria delle masse e la pretesa del tutto e subito, hanno trovato spazio. Oggettivamente, dato il substrato, le condizioni del 33% c'erano tutte.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    03 Aprile 2019 - 13:01

    Forse lo invidiano in tutto il mondo quelli che non riescono a piazzare e a farsi strapagare così facilmente i loro software.

    Report

    Rispondi

Servizi