cerca

La destra che riduce l’Italia a un caffè

C’è qualcosa di parodistico nel sovranismo di Meloni e Salvini che misura l’identità in base al frappuccino di Starbucks. Surrogati, flash, imitazioni retoriche. Ve lo immaginate Almirante che parla di tostatura e colonialismo?

11 Settembre 2018 alle 06:00

La destra che riduce l’Italia a un caffè

Giorgia Meloni e Matteo Salvini (foto LaPresse)

Roma. Giorgia Meloni ha detto, all’incirca, che vanno fermati sul bagnasciuga, insomma il capo di Fratelli d’Italia si è espressa con la stessa seria drammaticità con la quale Mussolini nel suo ultimo discorso da Palazzo Venezia immaginava di fermare lo sbarco degli alleati sulle spiagge della Sicilia. “Mi chiedo come si faccia a preferire le loro bevande al nostro caffè espresso invidiato in tutto il mondo”, ha detto l’erede della Fiamma e del Movimento sociale. Anche l’ideologo di riferimento del...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • miozzif

    11 Settembre 2018 - 16:04

    Penso tutto il bene possibile di questo caffè però se un suo avventore mette sullo stesso piano uno scherzo goliardico e uno dei rari eruditi di questa Italia viene il dubbio che vi somministrino anche lievi sostanze stupefacenti.

    Report

    Rispondi

  • stearm

    11 Settembre 2018 - 14:02

    Fusaro, l'Agamben di destra, ammesso che Agamben sia di sinistra. Insomma il luddismo trasversale del Ventunesimo secolo che accomuna destra e sinistra. Da Starbucks ci si siede su comodi divani, si può tranquillamente leggere un libro, un luogo di ritrovo per milioni di ragazzi in tutto il mondo.

    Report

    Rispondi

  • gabriele.gab.monti

    11 Settembre 2018 - 08:08

    ma un giudizio su quelli che erano in fila si può dare?

    Report

    Rispondi

    • lorenzolodigiani

      11 Settembre 2018 - 16:04

      Certo. Statisticamente gran parte di loro sono elettori di Lega ( Milano e’ a nord) e 5 stelle.

      Report

      Rispondi

Servizi