cerca

Sull'immigrazione Salvini non può mantenere la sua promessa elettorale

La rassegna della stampa internazionale sui principali fatti che riguardano da vicino il nostro paese. Oggi articoli della Vanguardia, Times, New York Times, Telegraph, Washington Post, Handelsblatt, Rt

11 Settembre 2018 alle 10:32

Immigrazione: Salvini non può mantenere la sua promessa elettorale

Matteo Salvini a Porta a Porta (foto LaPresse)

Salvini: le sanzioni contro la Russia non hanno alcun senso

Mosca, 11 set - (Agenzia Nova) - Le sanzioni contro la Russia non hanno alcun senso. Lo ha affermato il ministro dell'Interno e vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini, durante un'intervista rilasciata all’agenzia di stampa russa "Rt". "A maggio del prossimo anno", ha dichiarato Salvini facendo riferimento alle elezioni europee, "ci sarà un'opportunità storica per cambiare finalmente l'allineamento delle forze in Europa e mutare i rapporti con paesi che non sono europei, intendo la Russia". Il titolare del Viminale ha aggiunto: "Attiro costantemente l'attenzione del governo sulle perdite (subite dall'economia italiana a causa delle sanzioni contro la Russia" e continuerò a farlo". Per Salvini, infatti, "le sanzioni contro la Russia non hanno alcun significato economico, politico, sociale e culturale". Nel 2017, il leader della Lega ha dichiarato che l'Italia ha subito perdite per 7 miliardi di euro a causa delle sanzioni contro la Russia.

Continua a leggere l'articolo di Rt 


   

L'Onu invierà ispettori in Italia per esaminare le accuse di attacchi razzisti contro migranti e profughi

Londra, 11 set - (Agenzia Nova) - L'Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, invierà in Italia una squadra di ispettori per indagare sull'ondata di attacchi razzisti contro immigrati e profughi. Lo rende noto il quotidiano britannico "The Telegraph". Nel suo reportage, il corrispondente da Roma Nick Squires riferisce che la ex presidente del Cile ha annunciato ieri, 10 settembre, l'invio degli ispettori in Italia per "verificare le notizie di un drastico aumento degli atti di violenza e di razzismo contro i migranti, le persone di origine africana ed i Rom" dopo l'entrata in carica a giugno scorso del governo formato dal Movimento 5 stelle e dalla Lega. All'annuncio di Bachelet ha reagito il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno Matteo Salvini, che è anche leader della Lega e che è accusato dalle organizzazioni umanitarie di aver fomentato in Italia il clima di odio contro gli immigrati: "Negli ultimi anni l'Italia ha accolto 700 mila immigrati senza mai ricevere cooperazione dagli altri paesi europei", ha detto Salvini. Il titolare del Viminale ha aggiunto: "Per questo motivo noi non accettiamo lezioni da nessuno, tanto meno dall'Onu che è prevenuto, costoso e disinformato; la polizia italiana nega che esista una emergenza razzismo nel paese". 

Continua a leggere l'articolo del Telegraph


   

Immigrazione: Matteo Salvini fa marcia indietro sulle espulsioni

Londra, 11 set - (Agenzia Nova) - La promessa elettorale fatta dal ministro dell'Interno e vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini di espellere 500 mila immigrati irregolari dall'Italia si è rivelata impossibile da realizzare una volta che il leader della Lega è diventato titolare del Viminale. Lo scrive il quotidiano britannico "The Times" in un articolo in cui il suo corrispondente da Roma, Tom Kington, riferisce che lo stesso Salvini in un'intervista radiofonica ha ammesso che, all'attuale ritmo di rimpatri, saranno necessari 80 anni per rinviare nei loro paesi tutti gli immigrati irregolari arrivati in Italia. Gli ostacoli sono soprattutto giuridici, a causa della mancanza di accordi specifici con diversi paesi di origine degli immigrati. Tuttavia, vi sono anche difficoltà di ordine pratico e organizzativo, Da tale considerazione, l'articolo del "Times" muove per riassumere l'attuale situazione della crisi migratoria così come è vissuta in Italia, sul piano sia politico sia socio-culturale.

Continua a leggere l'articolo del Times


    

Salvini celebra i risultati dell’estrema destra svedese

Madrid, 11 set - (Agenzia Nova) - Il ministro dell'Interno italiano, Matteo Salvini, ha celebrato i risultati ottenuti dal partito di estrema destra dei Democratici svedesi (Ds), che si è imposto come la terza forza politica alle elezioni della scorsa domenica. Lo rende noto il quotidiano “La Vanguardia” riferendo che, secondo il leader della Lega, il successo alle urne dei Ds sarebbe da attribuire al boom dell'immigrazione. “La Svezia, patria del multiculturalismo e modello della sinistra, dopo anni di selvaggia immigrazione ha finalmente deciso di cambiare”, ha scritto Salvini sul suo account Facebook. “Adesso anche lì dicono no a questa Europa di burocrati e speculatori, no al clandestino, no all'estremismo islamico”, ha aggiunto il vicepremier e capo del Viminale.

Continua a leggere l'articolo della Vanguardia


     

Italia: Alto commissario Onu Bachelet invia ispettori per valutare casi razzismo

New York, 11 set - (Agenzia Nova) - L’Alto commissario Onu per i diritti umani, Michelle Bachelet, nel suo discorso di apertura del Consiglio a Ginevra ha annunciato che invierà un team in Austria e in Italia per valutare "il netto aumento segnalato di atti di violenza e razzismo contro migranti, persone di origine africana e rom". Entrambi i governi – scrive il “New York Times” - hanno intrapreso una linea dura sull'immigrazione. L'ex presidente cileno Bachelet, ex detenuta politica, ha affermato che "dare la priorità all'allontanamento dei migranti dall'Europa, senza garantire che i principali obblighi internazionali sui diritti umani siano rispettati, non può essere considerata una risposta di protezione". Su Facebook, il ministro degli Esteri italiano, Matteo Salvini, ha insistito sul fatto che il suo paese è stato in gran parte costretto a gestire da solo il afflusso di rifugiati e migranti in Europa e ha suggerito - come il leader dell'Austria - che le Nazioni Unite dovrebbero concentrare la propria attenzione altrove. "Prima di effettuare controlli sull'Italia, l'Onu dovrebbe indagare sui propri Stati membri che ignorano i diritti basilari come la libertà e la parità tra uomini e donne", ha scritto il ministro.

Continua a leggere l'articolo del New York Times e del Washington Post


    

L'Italia attrae investitori nonostante l'elevato debito pubblico

Berlino, 11 set - (Agenzia Nova) - L'Italia continua ad attrarre investitori nonostante l'elevato debito pubblico, il secondo più alto dopo quello della Grecia tra tutti gli Stati membri dell'Eurozona. È quanto si legge sul quotidiano tedesco “Handelsblatt”, che commenta l'andamento positivo registrato nella giornata di ieri, 10 settembre, dalla Borsa italiana. In particolare, i titoli di banche come Unicredit o Intesa Sanpaolo hanno sperimentato una notevole domanda. L'indice del settore finanziario è aumentato del 4,5 per cento e l'indice della Borsa di Milano è salito dell'1,8 percento a 20.820 punti. Data l'elevata domanda di titoli di Stato, il rendimento di quelli a 10 anni è sceso al 2,74 per cento, il minimo delle ultime sei settimane.    

Continua a leggere l'articolo del Handelsblatt

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi