cerca

Tra Salvini e il governo

M5s En Marche! Così Di Maio prepara la svolta macroniana a Bruxelles

“Dobbiamo essere affidabili in Europa. Basta euroscetticismo”. Mosse e rischi a Roma, con la Lega. “Macron farà un nuovo gruppo”. “Battaglieri ma europeisti”

28 Marzo 2018 alle 06:00

M5s En Marche! Così Di Maio prepara la svolta macroniana a Bruxelles

Roma. Dopo la vittoria elettorale, dopo gli incontri internazionali, mai davvero di primissimo piano, e in seguito ai contatti preoccupati con le ambasciate non solo dei paesi dell’Unione – colloqui che spesso hanno evidenziato diffidenza nei confronti del Movimento cinque stelle – Luigi Di Maio ha dato un’indicazione al gruppo del M5s al Parlamento europeo che suona all’incirca così: “Stiamo per andare al governo, è arrivato il momento di lasciare il gruppo degli euroscettici”. E così a Bruxelles sono cominciate a partire le staffette, i messaggeri, aiutanti al galoppo inviati da un accampamento all’altro recando dispacci enigmatici. Si procede con grandissima cautela, perché a Roma Di Maio parla di governo con Matteo Salvini, che ha fatto piccoli passi indietro ma rimane il capo di una forza alleata in Europa con la destra eurofobica di Marine Le Pen. Eppure già la Lega se n’è accorta di queste mosse, ancora discrete, timide, incerte. Infatti se ne parla, anche tra la Camera e il Senato. I più informati, i più attivi nel gruppo dirigente leghista, come Lorenzo Fontana e Giancarlo Giorgetti, forse temono l’esplosione di una troppo aperta contraddizione tra Salvini e la nuova veste quasi democristiana che Di Maio sembra voler dare al partito che fu di Beppe Grillo e del vaffa. Ma ancora di più, questa contraddizione, la teme Di Maio, che il governo lo vuole fare sul serio, forse persino più di Salvini. “Prima che finisca la legislatura europea lasceremo Nigel Farage”, racconta un esponente titolato del M5s. E la sua è una confessione a mezza voce, a bocca storta: “Vorremmo avvicinarci al partito europeo che Macron fermerà contro i vecchi partiti socialisti e democristiani. Ma Di Maio ci ha detto di procedere con cautela, di aspettare prima che ci sia un governo in Italia. Non dobbiamo fare pasticci. Se il patto a Roma l’avessimo fatto con il Pd, non ci sarebbero stati problemi. Ma con la Lega cambia tutto”.

 

Eppure la manovra è iniziata. E le mosse si verificano in quello stato di miracolosa discrezione e anche d’incertezza con la quale sempre si contattano gli avversari, o gli alleati, per siglare un accordo, un patto, sciogliere un negoziato. Tutta un’arte che i cinque stelle sembrano imparare rapidamente. Come a Roma, con la Lega, così a Bruxelles e a Parigi, con i rappresentanti di En Marche!, il partito del presidente francese Emmanuel Macron che a settembre, in un discorso alla Sorbona, aveva disegnato nell’aria il profilo di un nuovo grande partito europeo che superi le ideologie del Novecento.

 

“E’ necessario che siano i cittadini a rifondare il senso dell’Europa”, aveva detto Macron, in una specie di appello non solo rivolto al personale politico ma persino alle culture novecentesche rappresentate nel Parlamento di Strasburgo: “Ciò che vi tiene dentro i vecchi partiti spesso non esiste più… il discorso europeo va rifondato dalle basi, dal basso e sul serio”. Un discorso che prefigurava la nascita di una “En Marche europea”, una forza fuori delle ideologie, capace di archiviare e assorbire pezzi del Ppe, del Pse, dell’Alde, e insomma i socialisti, i democristiani e i liberali. “Non lascerò a questi partiti il monopolio del dibattito sull’Europa e sulle elezioni europee”, aveva concluso il presidente francese.

 

Il discorso di Macron è stato ascoltato, capito, ha acceso mille lampadine colorate nel Movimento cinque stelle, che già aveva tentato di entrare nel gruppo dei liberali europei, senza successo, perché l’Alde si era ribellata all’ingresso di un gruppo considerato euroscettico. Ma adesso è cambiata una cosa fondamentale: il Movimento ha conquistato il 32 per cento alle elezioni. Questo cambia un po’ il punto di vista che all’estero si ha del Movimento. E così, anche con una certa naïveté, i ragazzi che forse governeranno l’Italia, hanno cominciato a maneggiare ragionamenti di questo tipo, e a comunicarli a Bruxelles: “Quello di Macron è un movimento nuovo, avversario della politica tradizionale. Europeista, ma battagliero. Cioè intenzionato a cambiare gli equilibri. En Marche è quello che dobbiamo essere anche noi”. Le ambizioni crescono, s’ingigantiscono. E certo ancora non si sa bene che vantaggio avrebbe Macron a prendere i Cinque stelle. “Avrebbe il primo partito italiano”, rispondono loro. Dunque ci provano. Ci pensano. Si muovono, con un certo coraggio e con il cinismo della contraddizione, all’interno della nuova logica, della trasformazione a tappe forzate che Di Maio sta imponendo ancora senza evidenti resistenze da parte dell’ala ortodossa e minoritaria del Movimento che oggi ha in Roberto Fico, presidente della Camera, il suo portabandiera. A febbraio, Bill Emmott, l’ex direttore dell’Economist, settimanale dell’elité cosmopolita, lui che fu prima antiberlusconiano e poi salì sul palco della Leoponda di Matteo Renzi, aveva scritto queste parole sul Financial Times: “Se Renzi ricorda Sarkozy, il partito cinque stelle ricorda di più la Republiche En Marche di Emmanuel Macron”. Profetico. (O ambasciatore di qualcosa?).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Skybolt

    28 Marzo 2018 - 13:01

    Sta a vedere che i Cinque Stelle diventano la succursale italiana del partito En Marche transnazionale che si dice che monsieur le President stia cercando di costruire in vista delle Europee 2019....

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    28 Marzo 2018 - 12:12

    Certo è, se vero, che il trasformismo non ha rivoluzioni o scatolette di tonno da aprire. Andreotti era un dilettante nel cambiare casacche e strategie. La vedo dura diventare democristiani, comunisti, post fascisti, pro euro ed ora macroniani. Il popolo, quale popolo se il popolo non conta un tubo e segue senza se e senza ma le stronzate che gli vengono dette? Domani assisteremo ad un comizio di Grillo in cui ci racconterà che la rivoluzione è compiuta cioè che basta il potere poi si seguono le regole che si volevano abbattere. Renzi era il fedigrafo che si era staccato dal popolo? Suvvia siamo seri, qui il più pulito cia’ la rogna. La schifezza del tutto è che noi un Macron ce l’avevamo e lo abbiamo abbattuto. Ci aveva fatto una riforma costituzionale brutta ma passabile e l’abbiamo bocciata. Cacciò i comunisti dal PD e lo abbiamo punito. Ora il tutto è usurpato dai 5S? Suvvia Merlo, anche se, forse è vero, non ci posso credere. Renzi batti un colpo ma vero, forte e determinato.

    Report

    Rispondi

Servizi