cerca

Fate piano

Il governo lo devono fare Di Maio e Salvini. Se non ci riescono, meglio tornare alle elezioni. L'importante è non avere fretta

9 Marzo 2018 alle 16:23

Fate piano

Al direttore - È giusto affermare che non bisogna cadere nella trappola del nuovo bipolarismo (Di Maio-Salvini), come scrive la Ciliegia sul Foglio dell'8 marzo. Ma un partito, nella specie il Pd, non può limitarsi a osservare, a un atteggiamento del tipo “waiting and seeing” che può dare qualche frutto tattico, nel breve periodo, ma dal punto di vista strategico, a lungo termine, rischia di relegare alla scarsa rilevanza. Per di più, se ciò portasse a un nuovo voto per l'impossibilità di formare un governo, il partito che assumesse il ruolo del convitato di pietra, senza dispiegare un'autonoma iniziativa, non si sottrarrebbe a una possibile penalizzazione: pur in un contesto enormemente diverso, la Spd, che ha temuto il precipizio segnalato dai sondaggi post-elettorali e ha aderito alla Grosse Koalition, “docet”. Una forte iniziativa programmatica, dotata di autonomia e realismo, che non si precluda anche l'ingresso nelle discussioni per il Governo, appare l'unico modo per non essere succubi del bipolarismo da parte del Pd, ma anche per non abbandonare il campo e mettersi inoperosamente, e con una certa voglia aventiniana, sulla riva del fiume ad aspettare il noto transito, finendo con il deludere probabilmente anche coloro che hanno votato questo partito. Siccome non si é Cincinnato, allora ritirarsi da un complesso incontro-scontro dialettico non avrebbe come conseguenza quella di essere poi pregati diffusamente di rientrare in campo. Con i più cordiali saluti.

Angelo De Mattia

Il governo lo devono fare Di Maio e Salvini. Se non ci riescono, meglio tornare alle elezioni. L'importante è non avere fretta. Per formare un governo in Olanda ci sono voluti sette mesi. Dicasi: sette. In Germania un governo sta per nascere dopo cinque mesi. Dicasi: cinque. Qui, in Italia, sono passati solo quattro giorni. Dicasi: quattro. Dunque, relax. Dunque, se possibile, FATE PIANO.

  

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • perturbabile

    09 Marzo 2018 - 22:10

    Dunque il voto non porta a un governo facile. Ma, questo voto, conta qualcosa? Niente, si capisce, e sembra che ciò lasci indifferenti. Sicuri che chi ha votato per Salvini auspicava un governo con Di Maio, e viceversa? I due personaggi non si proponevano su fronti diversi? (Salvini, ad esempio, nell’alleanza di centrodestra) È come se negli anni settanta si fosse fatto il compromesso storico perché DC e PCI arrivavano prima e secondo! Da anni, con giustificato assillo, mettete in luce un giorno sì e uno no gli sbagli e a volte i deliri programmatici dei cinque stelle. Ora, invece, diventa auspicabile che il Paese li subisca: così, si fa la prova! Così, si può fare il gioco delle analogie e delle differenze, senza doverle solo immaginare, col governo Raggi, senza doverle solo immaginare! Meglio non lanciare idee, meglio, si, lasciare che il governo fatichi a lungo a formarsi, e Gentiloni conduca gli affari correnti, come nel caso per niente negativo di Belgio, Olanda e Spagna.

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    09 Marzo 2018 - 20:08

    Caro Cerasa, la minoranza degli italiani, me compreso, forse anche lei, sono molto scossi dal quel che e’ accaduto. Si e’ avverato cio’ che paventavamo, vorremmo risvegliarci e scoprire che si e’ trattato di un perfido sogno. Lasciamo decantare la situazione, facciamo pure piano ed auguriamoci che i mercati (esistono i mercati), i partners europei abbiano la pazienza di attenderci.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    09 Marzo 2018 - 19:07

    Fare piano ed aspettare i desiderata di Di Maio che non farà nulla? Lui da furbo ha già detto che chi vuole si deve adeguare al suo programma, quindi non vuole un governo ma il voto quando sarà. Non ha fretta. Il punto Direttore è che rivotare con questa legge elettorale è un suicidio di massa e di mezzo ci andiamo tutti. Mattarella deve dare le coordinate per votate una legge elettorale di svolta. Nel mentre, e tempo ce n’è, un nuovo partito e leader sarebbe un’uscita alla francese ed in molti stiamo già aspettando.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    09 Marzo 2018 - 19:07

    Ho subito scommesso che si sarebbe tornati vit vit alle elezioni.luigides

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi