Salvini, il figlio della felpa

Dai talk-show al Vangelo, dalle ruspe alla coroncina del rosario. Ha davvero fatto e detto di tutto il segretario della Lega per costruirsi una leadership ed entrare trionfalmente nella Terza Repubblica

11 Marzo 2018 alle 00:07

Salvini, il figlio della felpa

Matteo Salvini (foto LaPresse)

Uscendo dal Teatro Ariston al fianco di Elisa Isoardi in “nude look”, disse che alle elezioni avrebbe fatto “lo stesso share di Sanremo”. Ieri ha compiuto 45 anni e da domenica sera lo cercano tutti. E’ l’altro Matteo. Il rottamatore vero. Quello che ha vinto, anzi stravinto. L’unico cui è riuscito quel che non era mai riuscito a nessuno, anche perché nessuno aveva osato provarci: battere Berlusconi in casa, diventare il leader di un nuovo centrodestra che chiude per sempre...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • agostinomanzi

    11 Marzo 2018 - 23:11

    Fantastico

    Report

    Rispondi

  • marcospinelli

    11 Marzo 2018 - 17:05

    Marco Spinelli.Il successo di Salvini è frutto della disperazione dell'elettore di centrodestra che non ha più una figura di riferimento moderata all'interno dell'area politica in cui si riconosce.Nel momento in cui Silvio Berlusconi si deciderà di proporre per la sua successione un delfino credibile nel centrodestra la situazione ruoterà nel suo senso più appropriato,con un partito conservatore di centro predominante e la sua appendice di destra a fare da stampella.La situazione venutasi a creare dopo queste elezioni è anomala e non reggerà,Salvini e di Maio sono figli di una situazione in cui partiti predominanti precedenti si sono fatti travolgere da beghe legate alla difesa di rendite di posizione invece che di avere un occhio privilegiato per la realtà contingente,appena aggiustano il tiro ritornano nelle simpatie degli italiani,le proposte politiche di Salvini e Di Maio se non corrette sono una palla al piede di quelle che non ti lasciano scampo,di fatto sono già cavalli zoppi.

    Report

    Rispondi

Servizi