Costruire, non rottamare

Il caso Visco dimostra che Renzi ha urgente bisogno di un predellino per entrare davvero nella fase Lego

28 Ottobre 2017 alle 06:00

Costruire, non  rottamare

Matteo Renzi alla Festa Fogliante di Firenze (foto LaPresse)

In un passaggio dell’intervista concessa al Foglio una settimana fa, Matteo Renzi ha affrontato un tema sul quale vale la pena tornare oggi, anche alla luce dello schiaffo micidiale ricevuto sulla partita del governatore di Bankitalia. Il segretario del Pd, con onestà, ha riconosciuto che “la fase della rottamazione non può essere riprodotta” ma ha aggiunto che è impensabile per un politico con le sue caratteristiche “diventare il paladino di un sistema che non è quello per cui ho iniziato a fare politica”. L’affermazione deve essere messa a fuoco perché costituisce il vero punto di debolezza della campagna del Pd renziano e il vero buco nero nel quale è entrato l’universo del centrosinistra all’indomani del referendum costituzionale.

 

La questione è semplice: per un leader destinato a trovare un suo spazio politico solo a condizione di contrapporre alla follia populista la forza tranquilla della ragione è o non è una grave contraddizione voler dare l’impressione di essere dalla parte delle forze antisistema? Probabilmente Renzi ha ragione quando dice che una maggioranza funziona solo se sa osare, azzardare e prendersi dei rischi e a ripensarci oggi, alla fine della legislatura, è un piccolo miracolo che un Parlamento ingovernabile come questo sia riuscito, grazie soprattutto alla spinta del segretario del Pd, ad approvare, nello spazio di pochi anni, due leggi elettorali, una riforma del lavoro, un’abolizione dell’articolo 18, una riforma delle banche popolari, un pacchetto di riforme per l’industria e persino una riforma costituzionale, finita però come sappiamo.

 

Ma alla luce di tutto questo il vero punto di debolezza incarnato da Renzi in questa fase della sua vita è quello di aver trasformato la tecnica della rottura non solo in un buon metodo di governo, ma anche in uno spericolato stile politico, che da un lato rischia di portarlo sulla strada dell’autoisolamento (se c’è una secessione meno sensata di quella della Catalogna dalla Spagna è forse quella di Renzi da Gentiloni) e dall’altro rischia di allontanarlo dall’unico profilo che dovrebbe indossare per avere la chance di contare nei prossimi mesi: l’abito del costruttore, prima ancora dell’abito del rottamatore. Solitamente, nella vecchia grammatica del centrosinistra, il verbo “costruire”, come ha lasciato intendere ieri Dario Franceschini, non coincide con l’idea di essere il perno di un’Italia che prova a spiccare il volo mettendo insieme la maggioranza silenziosa delle forze produttive, ma coincide, prima di tutto, con l’idea, davvero suggestiva, di dover costruire una coalizione molto ampia sul modello Unione – e già che ci siamo la si potrebbe chiamare anche una gioiosa macchina da guerra. Nessuno esclude che il centrosinistra si presenterà alle elezioni con un assetto basato sul modello Unione (auguri e Turigliatto maschi). Ma quello che sarebbe bene escludere da subito è immaginare un centrosinistra incapace di cogliere la più grande opportunità offerta dalla prossima campagna elettorale: essere l’unico partito capace di rappresentare una garanzia sul futuro dell’Italia grazie alla sua distanza simmetrica da ogni forma di populismo (e grazie alla combinazione tra il modello Gentiloni e il modello Renzi). Per fare questo – e per raccogliere i frutti di ciò che è stato seminato in questi anni – seguire lo schema della rottamazione, sia quando si parla di banche, sia quando si parla di vitalizi, sia quando si parla di pensioni, rischia di essere un modo per alimentare il caos istituzionale e perdere punti nell’unico borsino sul quale un leader che sogna di riportare il suo partito al governo non può permettersi di perdere colpi: l’affidabilità.

 

Oggi il Pd porterà i suoi pezzi da novanta a Napoli per mettere insieme delle idee nel corso della sua conferenza programmatica. Nonostante la mini secessione di ieri in Consiglio dei ministri (i ministri più vicini a Renzi erano assenti nel Cdm che si esprimeva sul rinnovo di Bankitalia) l’occasione potrebbe essere quella giusta per riflettere su un punto dal quale non si può scappare più. La rottamazione è ormai finita. E oggi l’unico modo per non lasciare a spasso quei milioni di elettori che hanno votato Sì al referendum del 4 dicembre è salire su un predellino ed entrare nella fase Lego, lanciando l’unica operazione che può permettere alla rottamazione di non cadere nella trappola della demagogia: l’operazione costruzione. Forse non è troppo tardi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mariozargani

    28 Ottobre 2017 - 11:11

    tutto vero, se non fosse per un piccolo particolare: il 40% referendario era tutto per Renzi, sarà così anche indicando come premier Gentiloni, che, con la vicenda Visco, si è, di fatto, smarcato dalle indicazioni politiche del segretario Renzi?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    28 Ottobre 2017 - 10:10

    La mia sceneggiatura è diversa.Renzi ha nominato Gentiloni , fa casino ma vuole che questo governo (in fondo è il suo) duri e presieda il momento delle elezioni . Sul caso Visco Renzi ha fatto solo casino indifferente a chi avrebbe proposto Gentiloni a presidente di Banca Italia ma ha voluto fare la sparata accollando a quello la colpevole mancata vigilanza sulle banche per togliere armi ai grillini. Il toscano è intelligente e furbo e una volta fa il banco e una volta il giocatore .Ha chiamato il banco entrando a gamba tesa e con fragore nella scena politica perdendo e vincendo le primarie nel più grande partito della sinistra scuotendolo fino alla radici con la riforma costituzionale provocando reazioni violente e secessioni nel Pd .Non pago continua, vedremo se uscirà vivo dalla lotta, saranno le elezioni a certificarlo.La stampa ricama molto lavora di fantasia per allungare il brodo e crea sempre rivalità e inventa per andare in stampa tutti i giorni.E' assolta .lds

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    28 Ottobre 2017 - 09:09

    Ministri che digiunano, ministri che latitano o si danno ammalati, un presidente del senato seconda carica dello stato e supplente del presidente della Repubblica che per prassi costituzionale non partecipa alle votazioni e dunque all’atto della nomina cessa di appartenere a un gruppo parlamentare che si dimette polemicamente dal medesimo, un segretario del maggior partito che fa. votare una mozione dal parlamento per vincolare anche formalmente una imminente decisione del suo presidente del Consiglio in materia istituzionalmente delicatissima salvo restare inascoltato, lui e la sua maggioranza parlamentare, un governo che pone la fiducia in materia non di sua competenza ma del Parlamento, un governo che prende atto senza alcuna conseguenza politica e istituzionale del venir meno formale della fiducia di un gruppo parlamentare che lo sosteneva....e via discorrendo nella decomposizione politica e istituzionale che segna purtroppo la fine della legislatura ”renziana”.

    Report

    Rispondi

  • pietrofomba

    28 Ottobre 2017 - 09:09

    la strada di don Matteo è segnata: Abrogare l' ideologica legge Cirinnà e diventare il nuovo leader di un centro destra moderato popolare europeo di ispirazione cristiana...la nuova Casa della libertà o Democrazia Cristiana 2.0 costruita con i mattoni dei principi non negoziabili e non con i lego del populismo o delle nuove ideologie comuniste

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi