Luci della Carrà

Manichini, abiti di scena e un caschetto biondo. Una mostra racconta la regina senza tempo del varietà, la donna con l’ombelico scoperto, la diva della porta accanto a suo agio in lamé anche alle dieci del mattino

9 Luglio 2018 alle 13:44

Luci della Carrà

Foto LaPresse

Ha detto Roberto D’Agostino che Raffaella Carrà è stata dichiarata sito archeologico: “Si può entrare solo con piccone, casco e guida”. Un po’ è vero e un po’ no. Nessuno sprovveduto, o irresponsabile, o sguarnito di protezioni è mai stato in pericolo avvicinandosi a lei: è sempre successo il contrario, persino con Eminem, quando lo fece esibire a Sanremo mentre gli italiani si indignavano (un popolo d’indignati indefessi dal 1946) e la voce del loro dissenso era quella di Gigi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi