Fare moda a Teheran

Non è meno sovversivo che leggere “Lolita”. Donne al lavoro in patria e saggi di stile iraniano a un corso di laurea magistrale alla Sapienza

9 Luglio 2018 alle 11:30

Fare moda a Teheran

Fadjr international Fashion and Clothing Festival in Tehran. Foto LaPresse

Fra gli otto designer selezionati da Javad Sedghamiz per lavorare alla sua “Persian Idea Mode Artech”, hub di moda, supporto media e di ricerca tecnologica ed ecosistema artistico nato a Teheran all’inizio dell’anno con il sostegno della sua potente famiglia di industriali del tessile, cinque sono donne. Sedghamiz, dall’aspetto decisamente più maturo dei suoi trentaquattro anni dichiarati, è arrivato a Firenze per presentarne le creazioni, e nella brochure in carta patinata che viene messa a disposizione alla fine dell’incontro, le...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi