cerca

Il caso Strache e il Truce, o la prepotenza sfortunata

Lenzuola e selfie incriminanti che parlano di patti inconfessabili con agenti provocatori travestiti da spie di Putin nel giorno della marcia trionfale su Milano. Che sfiga

19 Maggio 2019 alle 06:00

Il caso Strache e il Truce, o la prepotenza sfortunata
La prepotenza, per affermarsi, esige circostanze fortunate. Il Truce comincia a sperimentare la sfortuna. Un bel corteo massiccio e piovoso, la marcia su Milano, incontra molte lenzuola appese, buon marketing della protesta evocato da gesticolanti e malaccorti episodi di intolleranza repressiva, e un video in una villa di Ibiza, che sembra finto da quanto è verosimile. Nell’aprile scorso un comico austriaco, Jan Böhmermann, aveva parlato pubblicamente, in relazione al partito della destra salviniana austriaca, Heinz-Christian Strache, anche lui vicecapo di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • stearm

    19 Maggio 2019 - 12:12

    Una precisione, Kurz non è affatto socialdemocratico, ma leader del ÖVP, in pratica la DC austriaca. L'aspetto più inquietante è proprio quando Strache parla dei giornali, riferendosi al Kroner Zeitung.

    Report

    Rispondi

  • verypeoplista

    verypeoplista

    19 Maggio 2019 - 10:10

    "Che sfiga" ? Ma va là una figata: l'unica tristezza il "profugo di ritorno" Gian Burrasca in Corea del sud, facce ride.

    Report

    Rispondi

Servizi