cerca

“Proteggiamo i giovani dal lato oscuro della Cina”. Le voci dei volontari anziani di Hong Kong

“Non lo facciamo per soldi ma perché pensiamo di doverlo fare”, dicono i cittadini che aiutano a proteggere i manifestanti e i Lennon walls. “Ho figli e nipoti e non voglio che Hong Kong diventi irriconoscibile”

16 Settembre 2019 alle 09:09

Loading the player...

È il quindicesimo weekend consecutivo di proteste a Hong Kong. Il 15 settembre migliaia di manifestanti hanno sfidato il divieto della polizia cinese e hanno partecipato alla marcia pro-democrazia partita dall'area dello shopping di Causeway Bay e diretta verso Central, la zona delle sedi governative e istituzionali. In quest'area sono avvenuti ieri i primi scontri tra manifestanti e forze di sicurezza, con lanci di molotov e sassaiole da una parte, e impiego di cannoni ad acqua e fumogeni dall'altra. Le proteste, che si sono poi spostate in diversi luoghi della città, hanno proseguito fino a notte inoltrata. In questo video il Foglio parla con alcuni residenti di Hong Kong, anziani e adulti, che spiegano le ragioni per le quali difendono gli studenti e i giovani che si trovano in strada in questi mesi. “Sono fuggita dalla Cina negli anni Ottanta, non potevo sopravvivere lì. Così ho attraversato il confine illegalmente per venire a Hong Kong. Ho visto il lato oscuro della Cina. Ecco perché devo proteggere i giovani e gli studenti”, dicono i volontari che proteggono i manifestanti.

 

Per approfondire leggi anche:

La protesta di Hong Kong vince il primo round contro Pechino

Carrie Lam ha ritirato formalmente la legge sull’estradizione. Dedicato a quelli che la democrazia è finita, fallita, perduta

   

Cosa sono le “catene umane” degli studenti a Hong Kong

Le immagini delle proteste antigovernative nella ex colonia britannica, come quelle di trent'anni fa nei paesi baltici. Che cosa chiedono i manifestanti

  

Il boom mondiale nel business del lacrimogeno

Il gas è vietato in guerra ma abusato in tempo di pace. Non ci resta che piangere

  

Tre arresti eccellenti a Hong Kong

Pechino non cede sulla linea durissima. E sabato ci saranno nuove manifestazioni

 

Le aziende di Hong Kong mostrano perché Huawei non è indipendente da Pechino

Il caso di cathay pacific e le pressioni del partito comunista

 

Più che manganelli e lacrimogeni, a Hong Kong si combatte la disinformazione

La campagna martellante del governo per silenziare le proteste

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi